Giornale dei Navigli > Cronaca > Coppia nasconde in casa 92mila euro e ne offre metà per corrompere i poliziotti
Cronaca Naviglio grande -

Coppia nasconde in casa 92mila euro e ne offre metà per corrompere i poliziotti

Marito e moglie sono stati indagati per istigazione alla corruzione: volevano evitare così la perquisizione.

corrompere poliziotti

Coppia nasconde in casa 92mila euro e ne offre metà per corrompere i poliziotti.

Coppia nasconde in casa 92mila euro e ne offre metà per corrompere i poliziotti

MILANO – Sono indagati a piede libero due cittadini marocchini, un 40enne e una 35enne, per il reato di istigazione alla corruzione.

Fermato mentre era in auto

Gli agenti del Commissariato Scalo Romana, impegnati in un servizio per il controllo del territorio, hanno fermato l’uomo mentre si trovava alla guida di un’auto. Dai controlli immediati ai terminali, è risultato già pregiudicato per droga e immigrazione clandestina. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, la moglie dell’uomo ha tirato fuori da un armadio quattro mazzette di denaro contante, per un totale di 40mila euro.

Il tentativo di corrompere i poliziotti

La 35enne ha quindi allungato le mazzette ai poliziotti invitandoli a prenderli e, in cambio, a omettere la perquisizione. In totale, all’interno dell’armadio, erano nascosti 92mila euro. Anche l’uomo, appena ha notato che gli agenti si erano accorti dell’ingente somma di denaro nascosta tra le mensole, ha provato a corromperli offrendo ai poliziotti 45mila euro: in cambio, chiedeva loro di chiudere un occhio sulla perquisizione. Ma gli agenti, in risposta, hanno denunciato entrambi, moglie e marito, per istigazione alla corruzione. Tutti i soldi (90mila in un armadio, più 1.650 trovati in un altro) sono stati sequestrati.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente