Morto Maradona: il mondo del calcio è in lutto

Se n'è andato improvvisamente oggi, mercoledi 25 novembre, anniversario della scomparsa di un altro grande del calcio.

Morto Maradona: il mondo del calcio è in lutto
Cronaca 25 Novembre 2020 ore 18:59

Morto Maradona: il mondo del calcio è in lutto

Morto Maradona: il mondo del calcio è in lutto

Dall’Argentina la notizia che sconvolge il mondo del calcio: è morto Diego Armando Maradona.

Diego Armando Maradona è morto. “El pibe del oro” è spirato questo pomeriggio a Tigre, in Argentina, pochi giorni dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico. Diego Armando Maradona, 60 anni il 30 ottobre, era a casa. Alcuni giorni fa aveva subito un intervento al cervello per la rimozione di un coagulo.  Lo riferiscono i media argentini e in particolare il quotidiano nazionale, il Clarin. La notizia è stata poi confermata anche dall’Afa, la federazione calcistica argentina.

Addio a Diego Armando Maradona

Campione del mondo nel 1986 con la sua Nazionale, l’Argentina, nel famoso mundial della “mano de Dios” con cui segnò una rete all’Inghilterra (nella stessa partita poi realizzò anche uno dei gol più belli della storia del calcio, dribblando mezza squadra britannica), la carriera del “pibe del oro” era iniziata in patria con le maglie dell’Argentinos Juniors e per una stagione al Boca Juniors. Poi ha varcato l’oceano per vestire la casacca azulgrana del Barcellona per due stagioni, prima dello storico approdo nel 1984 al Napoli del vulcanico presidente Corrado Ferlaino. In maglia azzurra Diego Maradona ha militato sino al 1991, conquistando due scudetti – il primo sotto la guida di Ottavio Bianchi -, una Coppa Uefa, una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana.
Diventato per i partenopei il giocatore simbolo, l’idolo incontrastato e quasi venerato per le sue immense capacità tecniche, la sua avventura italiana finì il 17 marzo 1991 dopo un controllo antidoping effettuato al termine della partita di campionato Napoli-Bari (1-0) che diede il responso di positività alla cocaina. La sua carriera è comunque proseguita prima al Siviglia in Spagna, prima del ritorno in Argentina dove ha giocato una stagione al Newell’s Old Boys e due stagioni al Boca Juniors.

Come Best

Oggi, 25 novembre, ricorrevano i 15 anni della scomparsa di un altro mito del calcio. Un altro giocatore meraviglioso e “maledetto”: George Best. Il nordirlandese, pallone d’oro 1966, mito del Manchester United, era infatti deceduto nel 2005.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!