Giornale dei Navigli > Cronaca > Minaccia la moglie e i figli piccoli con una pistola, li salvano i carabinieri
Cronaca Buccinasco -

Minaccia la moglie e i figli piccoli con una pistola, li salvano i carabinieri

Immediato l’intervento dei carabinieri del radiomobile che hanno fatto irruzione nell’appartamento di Buccinasco.

Minaccia moglie e figli

Minaccia la moglie e i figli piccoli con una pistola, li salvano i carabinieri.

Minaccia la moglie e i figli piccoli con una pistola, li salvano i carabinieri

BUCCINASCO – Era rientrato a casa, ubriaco come sempre, ma questa volta il tono aggressivo e le minacce erano diventate ancora più pericolose. Tanto che la moglie del 40enne, origini ucraine, operaio, si è spaventata tanto da prendere i bambini, un neonato e un piccolo di otto anni, e chiudersi in camera, nascosta, in piena notte.

La chiamata ai carabinieri

Da lì, a voce bassa e tremolante, ha composto il 112 e ha chiamato i carabinieri. “Venite subito – ha sussurrato – mio marito vuole uccidermi. Ha una pistola”. Immediato l’intervento dei carabinieri del radiomobile (equipaggi di Rozzano e Cesano Boscone) che hanno fatto irruzione nell’appartamento e bloccato subito l’uomo che stava minacciando la moglie puntandole contro una pistola.

Arrestato e a San Vittore

Il 40enne aveva nascosto 40 munizioni e una pistola Beretta calibro 40 Smith e Wesson, risultata poi rubata a Impruneta, Firenze, nel 2014. Dovrà ora rispondere dell’accusa di minaccia aggravata, ricettazione e detenzione abusiva di armi e munizioni. L’uomo, arrestato, è stato portato al carcere di San Vittore. I militari proseguono le indagini per ricostruire tutti i maltrattamenti e gli episodi passati.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente