Giornale dei Navigli > Cronaca > Militare aggredito in Stazione Centrale, il video della violenza
Cronaca Naviglio grande -

Militare aggredito in Stazione Centrale, il video della violenza

L’uomo era già stato segnalato il giorno prima per aver dato di matto al centro di prima accoglienza.

militare aggredito

Militare aggredito in Stazione Centrale, il video della violenza.

Militare aggredito in Stazione Centrale, il video della violenza

MILANO – Le immagini sono state pubblicate dalla pagina Facebook Puntato, l’app degli Operatori di Polizia, che ha postato un video ripreso da alcuni turisti stranieri.

Di fronte alla Stazione Centrale

La sequenza mostra l’aggressione al militare avvenuta martedì mattina, pochi minuti prima delle 11, in piazza Duca d’Aosta, di fronte alla Stazione Centrale. L’uomo, Mahamad Fathe, 23 anni, originario dello Yemen, era già stato segnalato il giorno prima per aver dato di matto al centro di prima accoglienza di via Sammartini. Denunciato a piede libero per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, il ragazzo ha perso di nuovo la testa poche ore dopo.

Il video

La scena ripresa dal telefonino del turista immortala gli attimi subito prima della violenta aggressione: con un tagliacarte il ragazzo inizia a urlare e minacciare i passanti, poi colpisce alle spalle il caporalmaggiore scelto Matteo Toia, 34 anni, ferendolo al collo. I passanti, tra cui un senegalese, afferrano l’aggressore prima che possa scappare, aiutando così i carabinieri nella cattura. In quegli istanti lo yemenita, già espulso dalla Germania qualche mese fa, grida “Allah Akbar”, Allah è grande. Una frase che gli costa l’accusa di attentato per fini terroristici, oltre a quella di tentato omicidio. Per fortuna, le ferite sono superficiali e il militare se l’è cavata con dodici giorni di prognosi.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente