Maxi sequestro a imprenditore legato alla ‘ndrangheta

Tra le proprietà, sequestrate anche quattro appartamenti a Trezzano

Maxi sequestro a imprenditore legato alla ‘ndrangheta
Cronaca 02 Agosto 2018 ore 13:43

Maxi sequestro di beni a imprenditore legato alla ‘ndrangheta.

Maxi sequestro di beni a imprenditore legato alla ‘ndrangheta.

TREZZANO SUL NAVIGLIO – Anche quattro appartamenti con autorimesse a Trezzano nell’elenco dei beni sequestrati a Orlando Demasi, 43 anni, affiliato alla cosca Gallace di Catanzaro.

Beni per più di due milioni di euro

L’operazione, a cura della Divisione Anticrimine della Questura di Milano, ha messo le mani su un patrimonio del valore di oltre 2 milioni di euro: una villetta e un appartamento a Motta Visconti (dove viveva Demasi), un altro a Santa Caterina dello Ionio, a Catanzaro, un laboratorio con cortile e un capannone a Zelo Surrigone (dove si tenevano i summit della ‘ndrangheta) e quattro appartamenti a Trezzano sul Naviglio. Orlando Demasi, in carcere dal 2012, aveva preso il comando della locale di Giussano dopo la morte del fratello Daniele in un incidente stradale.

L’attività criminale

È stato proprio Orlando a chiedere di essere affiliato alla potente e feroce cosca ‘ndranghetista dei Gallace, “così mi tolgo delle soddisfazioni”, aveva detto. Esperto estorsore, aveva il compito di custodire le armi nei capannoni del Sud Milano, interi arsenali con bombe a mano, mitragliette e kalashnikov. Le soddisfazioni di cui parlava Orlando erano poter utilizzare il nome prepotente della cosca per ottenere appalti e mettere le mani su canteri e immobili. “Imprenditori incensurati – aveva commentato il procuratore aggiunto Ilda Boccassini ai tempi degli arresti – che avevano un’impresa e producevano ricchezza. Eppure, hanno deciso di affiliarsi alla ‘ndrangheta”.

Francesca Grillo

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste