Manuela uccisa con 80 coltellate in via Plana, arrestato il killer

L’uomo è anche accusato di strage perché ha tentato di far esplodere la casa per cancellare le prove del delitto.

Manuela uccisa con 80 coltellate in via Plana, arrestato il killer
Cronaca 24 Luglio 2020 ore 12:23

Manuela uccisa con 80 coltellate in via Plana, arrestato il killer.

Manuela uccisa con 80 coltellate in via Plana, arrestato il killer

MILANO – Indagini lampo per i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano che hanno arrestato questa mattina il responsabile dell’omicidio di Emanuel Alves Rabacchi, per tutti Manuela, 48 anni.

Il delitto lo scorso lunedì 20 luglio in via Plana

Un terribile delitto: sul corpo della transessuale di origini brasiliane sono stati trovati i segni di 80 coltellate, alla schiena, all’addome e al torace. L’omicidio era avvenuto pochi giorni fa, il 20 luglio in via Plana. L’assassino si era poi dato alla fuga facendo perdere e proprie tracce.

Accusato anche di strage

L’uomo è anche accusato di strage, perché nel tentativo di provocare un’esplosione che potesse cancellare le prove del delitto, ha lasciato aperto il gas della cucina a casa della vittima.

Indagati i clienti abituali

Le indagini si sono concentrate sui clienti abituali di Manuela. Forse all’origine del delitto, una lite scattata con il suo killer. Le indagini serrate dei carabinieri sono riuscite a ricostruire l’esatta dinamica dell’atroce omicidio e gli ultimi istanti di vita di Manuela. Ulteriori dettagli saranno divulgati dalla sala stampa del Comando Provinciale di Milano.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home