Giornale dei Navigli > Cronaca > Lite tra ragazzini finisce con una spedizione punitiva a sprangate
Cronaca Corsico -

Lite tra ragazzini finisce con una spedizione punitiva a sprangate

Brutale pestaggio alla stazione di Cosico verso le 19.00 di domenica scorsa

Brutale pestaggio alla stazione di Corsico verso le 19.00 di domenica scorsa. Tutto è cominciato con un litigio per futili motivi tra ragazzi di 16 anni, dove si son visti volare calci e pugni. La situazione è presto degenerata quando uno degli aggressori coinvolti nella rissa è tornato a casa per organizzare una vera e propria spedizione punitiva.

La dinamica

Una volta tornato sul luogo, accompagnato da due “ceffi” tra i 40 e 50 anni, trova ancora i ragazzi di prima intenti a parlare tra di loro, convinti che ormai la vicenda sia risolta. Ma così non è. Va quindi in scena infatti il secondo round della lite precedente. L’aggressore 16enne indica ai due uomini chi sia la vittima da “sistemare” e qui entrano in scena le spranghe di ferro con cui i due picchiano selvaggiamente il ragazzo 17enne indicatogli, senza fermarsi nemmeno davanti alla sua ragazza che tentava di intervenire in sua difesa. Nemmeno gli amici del ragazzo, che era già a terra, impossibilitato a difendersi, sono riusciti ad intervenire in suo soccorso perché anche loro vittime di calci e pugni. Il violento pestaggio è continuato senza ritegno finché una sprangata più brutale delle altre ha colpito al capo il giovane 17enne facendogli perdere moltissimo sangue.

A questo punto i tre autori della spedizione punitiva se la sono date a gambe levate mentre già stavano arrivando i carabinieri di Corsico, chiamati da qualcuno che ha assistito al terribile pestaggio. Anche l’ambulanza è arrivata a sirene spiegate sul luogo del pestaggio per prestare i primi soccorsi ai feriti.

È questa la follia per la quale sono alla fine rimasti vittima un ragazzo di 17 anni e la sua ragazza di 16, finiti in ospedale, in compagnia anche dei loro amici ancora scioccati dall’incubo appena vissuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente