Liliana Segre è cittadina onoraria di Basiglio

Il Consiglio comunale ha votato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice.

Liliana Segre è cittadina onoraria di Basiglio
Cronaca 19 Dicembre 2019 ore 10:50

Liliana Segre è cittadina onoraria di Basiglio.

Liliana Segre è cittadina onoraria di Basiglio

BASIGLIO – “L’Amministrazione, nel conferirle la cittadinanza onoraria, vuole onorare Liliana Segre per il suo impegno morale, spirituale e civile, nella speranza che questo gesto contribuisca alla sua missione di risvegliare le coscienze di tutti, soprattutto dei più giovani, di fronte a ogni forma di razzismo, discriminazione e violazione dei diritti umani consumati nel silenzio delle nostre comunità, perché non abbiano mai il sopravvento su un mondo basato sul rispetto, sul dialogo e sulla pace tra i popoli”.

La delibera votata all’unanimità

Il Consiglio comunale di Basiglio ha votato all’unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre. La proposta è stata formulata da alcune associazioni del territorio: Centro culturale Giorgio Ambrosoli, Centro culturale Tommaso Moro, Rovescio&dritto, Ponte d’Argento, Banca del Tempo, Gaia Animali e Ambiente onlus delegazione Basiglio, Solidali con…

Le motivazioni del sindaco Reale

Il sindaco Lidia Reale ha presentato ai consiglieri comunali le ragioni della proposta esplicitate nella delibera di conferimento della cittadinanza onoraria, raccontando la storia della senatrice, una dei 25 sopravvissuti tra i 776 bambini italiani di età inferiore ai 14 anni deportati ad Auschwitz. “A oltre 70 anni dalla fine di quegli orrori – viene precisato nelle motivazioni della delibera – spira ancora e di nuovo il vento dell’odio ed è inaccettabile che una persona come Liliana Segre sia minacciata in un Paese come l’Italia, che dovrebbe essere simbolo di una delle più importanti culle della civiltà. In Italia è custodito il 70% del patrimonio artistico mondiale e dovrebbe essere il Paese dedicato alla cultura del bello, non il Paese dedicato alla cultura dell’odio. Liliana Segre è un simbolo vivente della capacità di reagire all’odio e all’orrore e di concentrarsi sul rigetto dell’odio”.

L’intervento del consigliere Rossignoli

Al termine della presentazione della proposta di delibera, è intervenuto il consigliere Marco Rossignoli che ha letto alcune frasi di odio pronunciate da attuali parlamentari della Repubblica. “Parole che non ci possono lasciare indifferenti. Dare la cittadinanza alla senatrice Segre, che ha ricevuto offese e minacce da qualche ‘leone da tastiera’, vuol dire prendere coscienza e opporsi a forme di discriminazione in costante e preoccupante aumento. L’Osservatorio contro l’antisemitismo – ha evidenziato il consigliere Rossignoli – ha reso noti i casi esaminati nel 2019, che, ad anno non ancora finito, sono già 199”, con un +60% rispetto agli anni passati. “Non si può – ha concluso leggendo l’articolo 3 della Costituzione – fare finta di niente”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste