Menu
Cerca

Lavoro in nero e carenze igieniche: 500 chili di carne sequestrata in un negozio e 11mila euro di multa

Operazione dei carabinieri mirata al controllo degli esercizi pubblici, anche in relazione all’emergenza sanitaria e al contrasto del lavoro nero.

Lavoro in nero e carenze igieniche: 500 chili di carne sequestrata in un negozio e 11mila euro di multa
Cronaca 11 Novembre 2020 ore 15:45

Lavoro in nero e carenze igieniche: 500 chili di carne sequestrata in un negozio e 11mila euro di multa.

Lavoro in nero e carenze igieniche: 500 chili di carne sequestrata in un negozio e 11mila euro di multa

CINISELLO BALSAMO – Operazione dei carabinieri a Cinisello, disposta dal Comando della Compagnia di Sesto San Giovanni, mirata al controllo degli esercizi pubblici, anche in relazione all’emergenza sanitaria e al contrasto del lavoro nero. I militari di Cinisello Balsamo e Cusano Milanino hanno lavorato in sinergia con il personale del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Milano e del Nucleo Operativo Gruppo Carabinieri per la Tutela Lavoro di Milano.

La scoperta

I militari hanno proceduto al controllo di svariate attività commerciali, prevalentemente negozi alimentari. In una ditta di Cinisello dedita al commercio di carni, prodotti ittici e conserve, i militari hanno trovato due lavoratori in nero (sanzione da 7.200 euro per i proprietari), l’occupazione irregolare di due lavoratori sui sette presenti (altri 2mila euro di multa e sospensione dell’attività imprenditoriale), la mancata rintracciabilità degli alimenti proposti al pubblico, sottoponendo a sequestro amministrativo 500 chili di carne bovina e suina e 250 chili di prodotti ittici. In più, i militari hanno riscontrato una carenza igienico sanitaria della struttura, sanzionata con un’ammenda pari a mille euro; l’assenza della Scia, per cui è stata emessa diffida a prosecuzione attività commerciale; la mancata esposizione dei prezzi di vendita al dettaglio della merce esposta al pubblico (altra multa da 1.032 euro).

Le denunce

Durante il servizio straordinario di controllo, sono stati denunciati un 46enne italiano, titolare dell’esercizio commerciale, già con precedenti specifici in materia, poiché aveva impiegato in nero dei lavoratori irregolari sul territorio nazionale. Denunciati anche due cittadini stranieri, nati in Marocco, entrambi classe 1992 e domiciliati in Italia, poiché risultati irregolari sul territorio nazionale.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home