Giornale dei Navigli > Cronaca > Il sindaco gira per scovare gli irresponsabili: “Subito a casa, la gente muore” VIDEO
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Il sindaco gira per scovare gli irresponsabili: “Subito a casa, la gente muore” VIDEO

Il sindaco di Sesto San Giovanni ha deciso di andare a prendere uno per uno i cittadini che non rispettano le normative anti contagio.

sindaco scova irresponsabili

Il sindaco gira per scovare gli irresponsabili: “Subito a casa, la gente muore”.

Il sindaco gira per scovare gli irresponsabili: “Subito a casa, la gente muore”

SESTO SAN GIOVANNI – “C’è tanta gente ricoverata, persone che stanno morendo. Si rischia di contagiare se stessi e gli altri”. Il sindaco di Sesto Roberto Di Stefano ha deciso di andare a prendere uno per uno i cittadini che non rispettano le normative anti contagio che obbligano a rimanere a casa per evitare la diffusione del virus.

 

Un comune tra i più colpiti

Sesto è uno dei comuni più colpiti, con 106 persone contagiate, 14 decessi e 68 persone in isolamento. “Non so più come farvelo capire: state a casa – ha scritto il primo cittadino sui social –. Oggi ho fatto il giro della città, tra piazze e parchetti, per combattere contro l’irresponsabilità di chi continua a fregarsene delle ordinanze. C’è in gioco la nostra salute, non è certo questo il momento di fare i furbi. Vogliamo superare al più presto questa emergenza? Benissimo: rispettiamo le regole e usciamo solo per motivi di lavoro, salute, fare la spesa o acquistare farmaci”.

“Dovete tornare a casa e starci”

Il primo cittadino ha fatto il giro della città dicendo a coloro che trovava fuori di andare immediatamente a casa. “Non è che potete andare in giro così – ha detto ai cittadini trovati seduti sulle panchine, in bici o per strada –. Le regole sono chiare per tutti. Abbiamo gli ospedali strapieni. Facciamo le ordinanze apposta. Andate a casa, andate a giocare alla playstation – si è rivolto ad alcuni ragazzini –. Dovete tornare a casa e starci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente