FitActive Buccinasco, palestra chiusa: "Mancano i permessi"

Il comunicato del Comune di Buccinasco e la replica dal rappresentante della struttura.

FitActive Buccinasco, palestra chiusa: "Mancano i permessi"
Cronaca 06 Dicembre 2019 ore 19:27

Fitactive Buccinasco, palestra chiusa: "Mancano i permessi".

Fitactive Buccinasco, palestra chiusa: "Mancano i permessi"

Il comunicato del Comune di Buccinasco: "Questa mattina il Comune ha predisposto la chiusura della palestra FitActive Buccinasco in via Mantegna in seguito a controlli eseguiti dal Servizio alle Imprese e dalla Polizia Locale. Il centro, di recente apertura, è infatti sprovvisto delle necessarie autorizzazioni: il legale rappresentante non ha presentato la SCIA in Comune e la società che gestisce la palestra attualmente risulta non attiva anche presso la Camera di Commercio di Milano.

SCIA non presentata

“Dai controlli di routine del nostro Comune – dichiara il sindaco di Buccinasco Rino Pruiti – è emerso che la nuova palestra di via Mantegna ha aperto senza permessi commerciali, senza presentare la dichiarazione di inizio attività (nonostante mesi di pubblicità) né i permessi per la somministrazione di bevande e per il solarium. Come ho sempre detto, il controllo del territorio da parte della nostra Amministrazione è quotidiano e costante e riguarda sia i cantieri che le attività commerciali, non facciamo sconti a nessuno. Ringrazio ancora una volta l’efficienza dei nostri uffici, in particolare in questo caso il Servizio alle Imprese e la Polizia locale”.

Il sindaco Pruiti

“Ci auguriamo che l’impresa regolarizzi al più presto la sua posizione – continua il sindaco Pruiti – in modo da poter riaprire a tutela dei nostri concittadini che hanno sottoscritto l’abbonamento. Noi abbiamo il dovere di eseguire i controlli e continueremo su questa strada”.

La replica del responsabile della struttura

Il responsabile della palestra ci ha tenuto a chiarire la posizione di FitActive:

"I ragazzi in palestra sono stati presi alla sprovvista, a dover chiudere nel giro di un'ora. Siamo sicuramente in torto per non aver consegnato al Comune le opportune documentazioni, la SCIA di apertura del locale e della somministrazione di bevande, ma va specificato che per quest'ultimo punto si tratta dell'erogazione di preparati già consegnati dall'azienda, non vengono modificati ma messi a disposizione dei clienti attraverso dei dispenser. Ribadiamo la nostra responsabilità per non aver consegnato la scia agli uffici comunali, ma si tratta di una dimenticanza non in cattiva fede. Una burocrazia che, colpevolmente, abbiamo dimenticato di fornire, ma vogliamo rassicurare tutti gli utenti: le certificazioni che riguardano lo stato di sicurezza della struttura e degli utenti stessi all'interno della palestra sono tutte conformi e in regola, a tutela dei nostri clienti. Domani mattina provvederemo a pagare la sanzione e a presentare tutte le certificazioni, in modo da poter riaprire nel giro di pochissimo. Quello che vogliamo sottolineare è che, seppur riconoscendo di essere in torto, può capitare una dimenticanza burocratica. Ma il Comune, a nostro avviso, poteva essere più comprensivo e non penalizzare un'attività aperta con tanti sacrifici, un servizio per moltissimi cittadini che hanno scelto con fiducia la nostra struttura. Potevano darci qualche giorno per regolarizzare le pratiche, senza decidere immediatamente per la chiusura".

Per dovere di cronaca, la palestra è aperta da fine ottobre. La chiusura è stata disposta in osservanza delle leggi.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home