Giornale dei Navigli > Cronaca > Finti poliziotti rapinano commerciante di gioielli: a guidare la banda un corsichese VIDEO
Cronaca Corsico -

Finti poliziotti rapinano commerciante di gioielli: a guidare la banda un corsichese VIDEO

Si tratta di Dino Duchini, nome noto della criminalità e finito nelle carte delle inchieste per 'ndrangheta.

Finti poliziotti rapinano gioielli

Finti poliziotti rapinano commerciante di gioielli: a guidare la banda un corsichese.

Finti poliziotti rapinano commerciante di gioielli: a guidare la banda un corsichese

CORSICO – A guidare le operazioni c’era Dino Duchini, nome noto nel panorama della criminalità del Sud Milano.

Un nome già noto

Nato a Corsico, il 60enne si era già macchinato di diversi reati in passato, accusato di far parte delle ‘ndrine corsichesi e, in più, con precedenti per associazione a delinquere e rapine, tra cui una avvenuta nel 1991 dove rimase ferito in uno scontro a fuoco a Segrate con delle guardie giurate (per il quale fu accusato di tentato omicidio). Pesanti i suoi rapporti con il gruppo dei Sergi con i quali, secondo gli inquirenti che hanno aperto la maxi inchiesta Nord Sud, imbastiva affari.

Erano gli anni Ottanta e Novanta, e a parlare degli intrecci di Duchini fu Saverio Morabito, il pentito di ‘ndrangheta che tentò, secondo i suoi racconti, di convincere Duchini, amico strettissimo, a collaborare anche lui con la giustizia. Un passato criminale che è tornato ora a galla, con l’arresto avvenuto oggi dalla polizia.

L’arresto di oggi

Duchini era a capo di una banda di rapinatori che, spacciandosi per poliziotti, hanno portato via con la violenza gioielli e oggetti di valore a un commerciante indiano. In totale, un corrispettivo da 50mila euro. Il fatto è avvenuto il 28 maggio dello scorso anno, quando i cinque rapinatori, tutti residenti tra Milano e hinterland, hanno preso di mira il ricco commerciante e alcuni suoi collaboratori. Le indagini hanno ricostruito la dinamica della violenta rapina: la banda aveva preso di mira il rappresentante indiano che avrebbe trascorso alcuni giorni a Milano per lavoro, insieme ad alcuni suoi collaboratori.

I cinque sono arrivati all’alba nell’appartamento dove soggiornava il rappresentante, indossando uniformi d’ordinanza e pettorine della polizia. Hanno quindi simulato un controllo e dopo essere entrati nell’appartamento, armati di postola, hanno legato con fascette da elettricista e del nastro adesivo le vittime, colpendo il rappresentante alla testa con un pugno. Dopo aver preso gioielli, orologi e denaro, sono poi fuggiti a bordo di un furgone risultato rubato.

La direzione del colpo in mano a Duchini

A capo della banda c’era Duchini, nato a Corsico, “figura storica nel panorama criminale milanese degli anni Ottanta e Novanta”, come precisano gli inquirenti. Il Duca aveva messo a disposizione del gruppo criminale la sua esperienza di rapinatore assumendo la direzione operativa del colpo.Con lui altri complici: il suo braccio destro, Silvano Messina, 63enne nato a Milano e residente a Rho che lo affiancava nelle rapine; il 65enne Franco Fischer di Milano, “figura storicamente inserita nel mercato illecito del commercio di preziosi e già emersa in importanti attività di indagine su rapine ai danni di gioiellerie”, spiegano gli inquirenti. È stato Fischer a pianificare la rapina, acquisendo informazioni sulla vittima, rigirandole agli esecutori materiali. Nella banda anche un napoletano di 54 anni, Gennaro Urciuolo, e un milanese di 72 anni, Nicola Sava, finito agli arresti domiciliari: sono loro gli esecutori materiali travestiti da poliziotti, assoldati per rapinare la vittima.

Cinque gli arrestati

Le serrate indagini hanno consentito di scoprire il gruppo criminale e individuarne i ruoli nella violenta rapina. Dei cinque arresti, disposti dall’ordinanza emessa dal gip Lidia Castellucci, su richiesta della Procura di Milano, (procuratore aggiunto Laura Pedio e sostituto procuratore Isabella Samek Lodovici), quattro sono in carcere, uno è ai domiciliari.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente