Cronaca
INDAGINI IN CORSO

Evacuata l'Ikea di Corsico per la presenza di una sostanza irritante

Evacuate circa 1.000 persone, tra clienti e pesronale.

Evacuata l'Ikea di Corsico per la presenza di una sostanza irritante
Cronaca Naviglio grande, 03 Novembre 2021 ore 13:53

Evacuata l'Ikea di Corsico per la presenza di una sostanza irritante

Evacuata l'Ikea di Corsico per la presenza di una sostanza irritante

AGGIORNAMENTO ORE 16,58: 10 persone valutate sul posto, 7 non ospedalizzate e 3 portate al Pronto Soccorso. È quanto comunica la centrale di Areu, l'Agenzia Regionale Emergenza Urgenza. Nello specifico, le 3 persone per cui è necessitato il trasporto in ospedale:
- Una giovane di 24 anni con irritazione vie aeree;
- Una giovane di 22 anni e una donna di 35 anni portate in codice verde al San Carlo con sintomi da intossicazione, tosse e bruciore alla gola.

In generale, si specifica, tutti sintomi lievi.


Evacuata l'Ikea di Corsico: le prime informazioni giunte alle 13

CORSICO - E' ancora in corso l'intervento dei Vigili del Fuoco allertati telefonicamente per la presenza di una sostanza che provocava irritazioni a clienti e personale all'interno dell'IKEA di Corsico. Sul posto anche con mezzi NBCR, il gruppo specializzato che viene chiamato a intervenire quando esiste un fondato pericolo di contagio da sostanze che potrebbero provocare gravi danni a persone, animali o cose.

4 foto Sfoglia la gallery

 

I soccorsi

Telefonate giunte anche agli operatori del 118, poco dopo le 13, che oltre ad alcuni mezzi di soccorso hanno allertato i Carabinieri di Corsico; non si segnalano feriti e l'evacuazione di circa 1.000 persone dagli spazi dello store si è conclusa rapidamente e senza incidenti. Per precauzione, sono stati evacuati sia clienti che tutto il personale; alcuni presenti hanno accusato difficoltà respiratorie. Sono in corso gli accertamenti per stabilire le cause e il tipo di sostanza diffusasi, anche se comincia a prender corpo l'ipotesi che si tratti di uno spray al peperoncino spruzzato nell'area bar/ristoro. Nessuna comunicazione ufficiale è però stata ancora diffusa dagli inquirenti.