Estorsione per il pagamento della droga, condannati Sergi e Perre

La sentenza in abbreviato ha condannato anche Pinto. Per tutti è stata esclusa l'aggravante del metodo mafioso

Estorsione per il pagamento della droga, condannati Sergi e Perre
Cronaca 18 Luglio 2019 ore 11:51

Estorsione per il pagamento della droga, condannati Sergi e Perre.

Estorsione per il pagamento della droga, condannati Sergi e Perre

BUCCINASCO – I tre erano finiti in carcere a settembre, accusati di estorsione ai danni del fratello di un “cliente” che aveva acquistato 300 grammi di cocaina senza pagarla. Cognomi noti sul territorio, soprattutto quelli di Francesco Sergi, 29 anni, e Giuseppe Perre, 24 anni.

La sentenza di primo grado

Famiglie che hanno stretto legami a doppio filo con le cosche dei Barbaro, dei Papalia e dei Marando di Platì. Legami con la ‘ndrangheta, quindi, che per gli inquirenti i due rivendicavano con orgoglio, tanto da configurare, nel reato di estorsione, l’aggravante del metodo mafioso. Ma per il gup Maria Vicidomini è da “escludere la sussistenza della circostanza aggravante”: così dice la sentenza di primo grado del processo in abbreviato che ha coinvolto, oltre a Sergi e Perre, anche Paolo Pinto, 41 anni, con un ruolo più marginale nell’organizzazione. I tre erano stati arrestati dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano, con il supporto dei militari della Compagnia di Corsico. Per i reati commessi, il pm Stefano Ammendola aveva chiesto 7 anni per Pinto (estorsione e spaccio), 7 anni e 4 mesi per Sergi (estorsione) e 8 anni a Perre (estorsione e spaccio), tutti con l’aggravante dell’articolo 7: metodo mafioso.

La decisione del Gup

Ma il gup ha deciso di condannare a 4 anni e 8 mesi Pinto, assolvendolo per droga, 6 anni a Perre (estorsione e spaccio) e 4 anni e 8 mesi a Sergi per estorsione: per tutti è stata esclusa l’aggravante del metodo mafioso. Secondo le indagini, Sergi e Perre utilizzavano i cognomi pesanti delle famiglie per intimorire l’uomo sotto tiro: Francesco appartiene alla dinastia dei Sergi di Buccinasco, comandati un tempo dal feroce Paolo, condannato a sei ergastoli e morto nel 2016 dopo una lunga malattia. Il 29enne bazzicava soprattutto a Corsico: prima aveva aperto il bar Old cafè, poi, chiuse le serrande, ha iniziato a lavorare all’Oro Bianco, dove i carabinieri lo hanno arrestato a settembre. Giuseppe Perre, invece, lo avevano preso a casa sua. Era già stato arrestato lo scorso maggio per ricettazione, trovato a bordo di una minicar rubata.

Francesca Grillo

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste