Giornale dei Navigli > Cronaca > Donna violentata in piazza Gae Aulenti: preso l’aggressore grazie al dna
Cronaca Naviglio grande -

Donna violentata in piazza Gae Aulenti: preso l’aggressore grazie al dna

I fatti risalgono alla mattina del 24 agosto scorso.

Martedì è stato un "giorno di fuoco" per i poliziotti delle volanti milanesi.

Donna violentata in piazza Gae Aulenti: preso l’aggressore grazie al dna

Donna violentata in piazza Gae Aulenti: preso l’aggressore grazie al dna

MILANO – Una terribile violenza sessuale, commessa da un 23enne italiano di origini egiziane, incensurato, arrestato stamattina dalla polizia.

L’arresto

Le forze dell’ordine hanno eseguito l’ordinanza emessa dal gip Manuela Accurso Tagano, su richiesta del procuratore aggiunto Maria Letizia Mannella e del sostituto procuratore Michela Benedetta Bordieri.

L’episodio

I fatti risalgono alla mattina del 24 agosto, quando il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale è intervenuto all’incrocio tra viale Liberazione e via Melchiorre Gioia: qui una donna di 34 anni, fortemente scossa, ha fermato una volante di passaggio e ha riferito di essere stata aggredita poco prima da un egiziano a lei sconosciuto. Subito la donna è stata accompagnata presso la clinica Mangiagalli dove ha dichiarato di essere stata vittima di violenza sessuale da parte di un ragazzo che aveva abusato di lei in un prato vicino a piazza Gae Aulenti, nella nottata precedente.

Le indagini

Condotte dalla 4° Sezione della Squadra Mobile della Questura di Milano, hanno permesso di individuare e identificare un uomo corrispondente alle descrizioni. Il 23enne era stato ripreso dalle telecamere di piazza Gae Aulenti: immagini che hanno confermato la dinamica dei fatti raccontata dalla vittima. Il ragazzo, dopo aver avvicinato la giovane insieme ad altri due suoi amici che si sono allontanati molto tempo prima della violenza e risultati estranei ai fatti, ha trascinato la vittima in un prato vicino alla piazza e l’ha costretta a subire un rapporto sessuale. Alla certezza dell’identità dell’aggressore si è giunti anche grazie alle analisi sul dna effettuate dal laboratorio di biologia del locale Gabinetto Regionale di polizia scientifica.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente