Giornale dei Navigli > Cronaca > Danneggia la porta della sagrestia e ruba le offerte in chiesa: il video del furto
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Danneggia la porta della sagrestia e ruba le offerte in chiesa: il video del furto

I carabinieri di Garbagnate si sono attivati subito per individuare il responsabile del furto in chiesa.

ruba offerte in chiesa

Danneggia la porta della sagrestia e ruba le offerte in chiesa.

Danneggia la porta della sagrestia e ruba le offerte in chiesa

GARBAGNATE MILANESE – Le indagini sono partite dalla segnalazione del parroco della chiesa Santa Maria Nascente, in via Pasubio. Il prete ha denunciato che qualcuno si era introdotto in chiesa, dopo aver danneggiato la porta della sagrestia. Poi, il ladro si era diretto verso la cassetta delle offerte e ne aveva prelevato il contenuto.

 

Ripreso dalle telecamere

I carabinieri di Garbagnate si sono attivati subito per individuare il responsabile del furto in chiesa, visionando i filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza. In poco tempo, i militari sono riusciti a scoprire l’identità del ladro: si tratta di un italiano di 44 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine per altri reati e sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Sfruttando un permesso concesso, il 44enne si era introdotto in chiesa per rubare le offerte.

Sospesa la custodia cautelare

Nessun dubbio sulla responsabilità: gli accertamenti e il sequestro dei vestiti indossati durante il furto hanno confermato l’ipotesi e la colpevolezza. Arrestato, è stato portato nel carcere di San Vittore: l’Ufficio Sorveglianza di Milano ha deciso di sospendere gli arresti domiciliari e disporre la custodia cautelare in carcere.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente