Giornale dei Navigli > Cronaca > Allerta Coronavirus: studente cinese in “quarantena” dall’Università di Pavia
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Allerta Coronavirus: studente cinese in “quarantena” dall’Università di Pavia

Anche se negativo al test, in via precauzionale non potrà frequentare l'ateneo per due settimane.

coronavirus studente cinese quarantena pavia

Allerta Coronavirus: studente cinese in “quarantena” dall’Università di Pavia.

Allerta Coronavirus: studente cinese in “quarantena” dall’Università di Pavia

PAVIA – Università Pavia mette in “quarantena” studente cinese arrivato lunedì 27 gennaio da una città vicina a Wuhan. Ne danno notizia in nostri colleghi di giornaledipavia.it.

Arrivato a Pavia lo scorso 27 gennaio

Non potrà frequentare le lezioni per i prossimi 14 giorni. In via precauzionale uno studente cinese è stato messo in “quarantena” e non potrà frequentare le lezioni all’Università per le prossime due settimane. Il giovane è arrivato a Pavia lo scorso 27 gennaio 2020, proveniente da una città vicina a Wuhan, centro del focolaio del coronavirus.

Test negativi

Portato al Policlinico San Matteo dal suo tutor è stato sottoposto a controlli che hanno dato esito negativo al virus. Ma considerato che la malattia ha un periodo di incubazione che va dai 10 ai 15 giorni, gli è stato consigliato di stare a casa per le prossime due settimane. Nel frattempo l’ateneo gli fornirà tutte le dispense per restare al passo con gli studi.

Unico caso

Attualmente il suo sarebbe l’unico caso di cui l’Università sia a conoscenza. Dovessero presentarsene altri, il protocollo adottato nei loro confronti sarebbe lo stesso. Proprio al Policlinico, inoltre, è attivo uno dei laboratori di riferimento regionali per la ricezione dei campioni biologici.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente