Giornale dei Navigli > Cronaca > Coronavirus | Bollettino Regione Lombardia 20 ottobre: 2023 nuovi casi e 19 morti
Cronaca Naviglio grande -

Coronavirus | Bollettino Regione Lombardia 20 ottobre: 2023 nuovi casi e 19 morti

Tamponi a quota 21.726. Ancora preoccupante la percentuale dei casi su tamponi: oggi è al 9,3%.

Bollettino Lombardia 20 ottobre

Coronavirus | Bollettino Regione Lombardia 20 ottobre: 2023 nuovi casi e 19 morti.

Coronavirus | Bollettino Regione Lombardia 20 ottobre: 2023 nuovi casi e 19 morti

MILANO – Sono 2.023 i nuovi positivi da coronavirus a fronte di 21.726 tamponi effettuati, meno della metà rispetto a ieri: la percentuale tra nuovi positivi e tamponi effettuati oggi è al 9,3%. Dei nuovi positivi più della metà (1.054 per la precisione) si registrano nel Milanese, di cui 515 a Milano città. Continua il trend negativo di Varese con 245 nuovi casi.

Tutti i numeri del bollettino odierno

Il conto di martedì 20 ottobre ci dice che sono stati effettuati 21.726 tamponi che portano il totale a 2.538.587. In aumento il numero di nuovi positivi: oggi sono 2.023 (di cui 78 “debolmente positivi” e 7 a seguito di test sierologico), mentre i guariti-dimessi salgono a 87.072 (+334), di cui 1.848 dimessi e 85.224 guariti. Sale ancora il numero di persone ricoverate in Terapia intensiva in Lombardia: sono 123 (+10). Aumenta ancora quello dei ricoverati non in Terapia intensiva: sono 1.268, +132 rispetto a lunedì. Purtroppo si registrano 19 nuovi decessi che portano il totale a 17.103.

I nuovi casi per provincia:

Milano: 1.054, di cui 515 a Milano città;
Bergamo: 45;
Brescia: 101;
Como: 79;
Cremona: 17;
Lecco: 57;
Lodi: 44;
Mantova: 88;
Monza e Brianza: 123;
Pavia: 54;
Sondrio: 33;
Varese: 245.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Protesta studenti Falcone Righi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente