controlli di polizia

Controlli nella stazione di San Donato: emessi 16 Fogli di via per consumatori di droga

Ai destinatari del Foglio di via è vietato rientrare nel comune di San Donato per un periodo che varia da uno a tre anni.

Controlli nella stazione di San Donato: emessi 16 Fogli di via per consumatori di droga
Cronaca San Donato, 11 Marzo 2021 ore 17:52

Controlli nella stazione di San Donato: emessi 16 Fogli di via per consumatori di droga.

Controlli nella stazione di San Donato: emessi 16 Fogli di via per consumatori di droga

SAN DONATO MILANESE – Continua l'intensa attività di monitoraggio dell'area della Stazione Ferroviaria di San Donato Milanese, in stretta sinergia operativa tra i poliziotti della Divisione Anticrimine della Questura di Milano e dei carabinieri della Stazione di San Donato Milanese, al fine di contrastare la criminalità e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

I destinatari del Foglio di via non possono rientrare per un periodo da uno a tre anni

L'ultimo servizio di controllo del territorio è stato effettuato dai militari della Stazione di San Donato Milanese nei giorni scorsi. Risultato: emessi 16 Fogli di via obbligatori (a carico di 7 italiani e 9 stranieri) che saranno notificati nei prossimi giorni.

Avevano siringhe e oggetti per preparare la droga

I destinatari, tutti gravati da precedenti penali o di polizia per reati contro il patrimonio e stupefacenti, avevano siringhe e oggetti per preparare la droga, prima di consumarla all’interno della stazione ferroviaria.

Ai destinatari del Foglio di via è vietato rientrare nel comune di San Donato per un periodo che varia da uno a tre anni. Ai soggetti  colpiti dall'avviso orale è stato invece intimato di tenere una condotta di vita conforme alla legge, pena più gravi conseguenze.

Dalla fine gennaio emessi 83 provvedimenti di prevenzione

Dal 29 gennaio 2021 all'11 marzo 2021 il Questore di Milano ha emesso 83 provvedimenti di prevenzione (73 fogli di via obbligatori e 10 avvisi orali), nei confronti di soggetti per lo più provenienti dalle province confinanti che abitualmente frequentavano la stazione ferroviaria per procurarsi e consumare sostanze stupefacenti.

Il commento dalla Questura

“Con il rafforzamento dell'azione deterrente e preventiva, propria delle misure di prevenzione personali, attraverso il monitoraggio delle aree di volta in volta colpite da episodi di degrado – spiegano dalla Questura –, si sta gradualmente raggiungendo l'obiettivo di restituire il territorio ai cittadini permettendo una migliore fruizione dei servizi pubblici.

Infatti, nel corso dei controlli di polizia effettuati in successione sono stati controllati soggetti diversi da coloro che erano già destinatari del Fogli di via, emessi a seguito dei precedenti servizi, a riprova dell'efficacia delle misure di prevenzione adottate”.