gli ultimi sviluppi

Cocaina nell'auto della comandante, Furci sarà giudicato con rito immediato

Nelle scorse settimane il Tribunale del lavoro di Milano (per un'altra istanza) aveva deciso per il reintegro dell’agente, giudicando il licenziamento da Corbetta illegittimo.

Cocaina nell'auto della comandante, Furci sarà giudicato con rito immediato
Cronaca Trezzano, 04 Giugno 2021 ore 09:16

Cocaina nell'auto della comandante, Furci sarà giudicato con rito immediato.

Cocaina nell'auto della comandante, Furci sarà giudicato con rito immediato

TREZZANO SUL NAVIGLIO – Sarà processato con rito immediato a Milano Salvatore Furci, ex comandante della polizia locale di Trezzano, accusato di aver nascosto dosi di cocaina, con l’aiuto di un complice, nell’auto del capo dei vigili di Corbetta, Lia Vismara.

Dovrà rispondere di calunnia e detenzione di droga

Una vendetta meditata, fatta di appostamenti, ricerca di informazioni e dettagli utili per incastrare la donna, accusata da Furci di non averlo ingiustamente riconfermato nella squadra di Corbetta dopo il periodo di prova. Ora Furci dovrà essere giudicato con rito immediato: il gip Anna Magelli ha accolto la richiesta di processo senza udienza preliminare avanzata dal pm della Dda Gianluca Prisco. Furci si trova in carcere dal 13 aprile, dovrà rispondere di calunnia e detenzione di droga.

TI POTREBBE INTERESSARE: Come l'ex capo dei vigili Furci ha incastrato la comandante di Corbetta: "Morte mia, morte tua"

Il Tribunale del Lavoro nel frattempo ha deciso per il reintegro dell'agente

Proprio nelle scorse settimane il Tribunale del lavoro di Milano aveva deciso per il reintegro dell’agente, giudicando il licenziamento da Corbetta illegittimo. I giudici hanno inoltre ordinato un risarcimento pari a oltre 10mila euro per Furci da parte del Comune.

Nessun dubbio sulla colpevolezza di Furci secondo le indagini della Squadra Mobile di Milano: intercettazioni e immagini riprese dalle telecamere hanno inchiodato l’ex comandante di Trezzano, arrivato a gennaio di quest’anno dopo lo scandalo delle auto dimenticate nei depositi autorizzati.