Giornale dei Navigli > Cronaca > Cadavere nel Lago d’Iseo identificato: è una ex giornalista di Radio Padania
Cronaca Naviglio grande -

Cadavere nel Lago d’Iseo identificato: è una ex giornalista di Radio Padania

Si tratta di Rosanna Sapori, scomparsa dopo Natale da Bergamo. In estate anche un accorato appello a Salvini.

Cadavere Lago d’Iseo

Cadavere nel Lago d’Iseo identificato: è una ex giornalista di Radio Padania.

Cadavere nel Lago d’Iseo identificato: è una ex giornalista di Radio Padania

Il corpo senza vita riemerso dal Lago di Iseo sabato sera, come riporta BresciaSettegiorni.it, è stato identificato. Secondo gli inquirenti si tratta di una donna bergamasca, Rosanna Sapori, 61 anni, giornalista e titolare di una tabaccheria a Zanica, Bergamo.

Il corpo è di Rosanna Sapori

Come riportano i nostri colleghi, il cadavere della donna era stato avvistato sabato sera nel Lago d’Iseo a Montisola, da alcuni passanti. Era in evidente stato di decomposizione, segno che si trovava in acqua da giorni, cosa che ha reso complicata l’identificazione. Dopo quasi due giorni gli inquirenti sono riusciti a darle un nome e un volto: è Rosanna Sapori, residente nella Bergamasca, di cui era stata denunciata la scomparsa ad Azzano San Paolo il 27 dicembre, quasi un mese fa.

La lettera all’ex Ministro Salvini

Classe 1958, la donna era nota in provincia di Bergamo per aver lavorato come giornalista a Radio Padania Libera e in quanto titolare di una tabaccheria a Zanica. La 61enne, inoltre, questa estate era stata la protagonista di una vicenda risuonata sui media nazionale: perseguitata dai ladri nella sua attività, aveva scritto una lettera all’ex Ministro Matteo Salvini spiegando la situazione e chiedendo un intervento.

In un anno le era stato distrutto due volte il negozio:

“Lo sa signor Ministro che il più delle volte le assicurazioni non pagano i danni perché troppo ingenti rispetto al furto? La nostra categoria è abbandonata, indifesa, super tartassata da imposte e fatture elettroniche e scontrini. Tutti i giorni siamo alla mercé di ladri”.

L’appello era rimbalzato sui media nazionali e sui social (che avevano collezionato centinaia di commenti) e in molti si erano riconosciuti nella sua posizione. LEGGI DI PIU’ QUI

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente