Giornale dei Navigli > Cronaca > Autobus dirottato a San Donato: autista condannato a 24 anni
Cronaca Naviglio grande San Donato -

Autobus dirottato a San Donato: autista condannato a 24 anni

In aggiunta alla pena detentiva i giudici hanno stabilito  anche risarcimenti a titolo di provvisionale per ognuno dei ragazzi che si sono costituiti parte civile.

Autobus dirottato condannato

Autobus dirottato a San Donato: autista condannato a 24 anni.

Autobus dirottato a San Donato: autista condannato a 24 anni

MILANO – La Corte d’Assise di Milano ha condannato a 24 anni di reclusione Ousseynou Sy, il 47enne che nel marzo dell’anno scorso  ha dirottato e incendiato un autobus con a bordo una scolaresca di 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella. I giudici hanno accolto in toto la richiesta presentata la scorsa settimana dal pm Luca Poniz.

La condanna per Ousseynou Sy

In aggiunta alla pena detentiva, i giudici hanno stabilito  anche risarcimenti a titolo di provvisionale pari a 25mila euro per ognuno dei ragazzi che si sono costituiti parte civile tramite i loro genitori, ai quali è stato riconosciuto un risarcimento di 3mila euro ciascuno.  Sy dovrà versare anche una provvisionale di 35 mila euro ad uno dei professori, 25 mila euro al secondo professore e 25 mila euro alla bidella, nonché 10 mila euro al Comune di Crema, che si è costituito parte civile. Sy dovrà infine versare 150 mila euro di provvisionale a Autoguidovie.

La sue dichiarazione in aula

Nella mattinata di oggi, mercoledì 15 luglio 2020, Sy aveva rilasciato delle dichiarazioni spontanee in aula, attaccando il leader della Lega Matteo Salvini, definito un “piccolo duce” e sostenendo di aver agito per protesta contro le stragi dei mari: “Condannatemi pure – aveva detto – Io ho agito per salvare delle vite umane”-.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente