Giornale dei Navigli > Cronaca > Arrestato pusher: nascondeva la “coca” nella mascherina tenuta sotto il mento
Cronaca Naviglio grande Rozzano -

Arrestato pusher: nascondeva la “coca” nella mascherina tenuta sotto il mento

Si tratta di un uomo di 57 anni residente a Rozzano, già noto alle Forze di Polizia.

arrestato pusher

Arrestato pusher: nascondeva la “coca” nella mascherina tenuta sotto il mento

Arrestato pusher: nascondeva la “coca” nella mascherina tenuta sotto il mento

PAVIA -La Polizia di Stato di Pavia ha tratto in arresto un cittadino italiano per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’arresto si colloca nell’ambito di una mirata attività di prevenzione e contrasto al traffico di stupefacenti svolta nel territorio della provincia pavese da personale della Squadra Mobile della Questura.

Il pedinamento

Nella mattinata di ieri personale della Sezione Antidroga impegnato in tale attività ha notato alla guida di una vettura un soggetto noto alle forze dell’ordine per numerosi reati inerenti agli stupefacenti. L’uomo veniva seguito dagli operatori fino a Giovenzano (PV), frazione di Vellezzo Bellini. Giunti sul luogo gli operanti hanno notato che il medesimo entrava all’interno di una villetta, usciva dopo pochi minuti e ripartiva a bordo della propria autovettura.

La “coca” nella mascherina

Visti i precedenti dell’uomo e insospettiti dal fatto che lo stesso risultava residente fuori dalla provincia pavese, i poliziotti sono intervenuti, fermando l’uomo successivamente condotto negli uffici della Questura per accertamenti.
I sospetti degli agenti hanno così trovato conferma. Nel corso della perquisizione, infatti, l’uomo, D.G. cinquantasettenne residente a Rozzano e gravato da numerosi pregiudizi penali e di polizia, è stato trovato in possesso, di due involucri contenenti cocaina per un totale di circa 11 grammi, occultati all’interno della mascherina tenuta sotto il mento.

La perquisizione

La perquisizione è stata poi estesa anche all’abitazione di Vellezzo Bellini dalla quale era stato visto uscire poco prima. Nello svolgimento di tali attività la Squadra Mobile veniva coadiuvata da personale del Nucleo Cinofili della Polizia Locale di Vigevano. A seguito della perquisizione è stata rinvenuta, occultata all’interno di un mobile della cucina, altra sostanza stupefacente del tipo cocaina per circa 150 grammi, materiale per il confezionamento della sostanza e la cifra in contanti di 600 euro. Dalla vendita dello stupefacente il D.G. avrebbe potuto conseguire un guadagno di circa 6/7 mila euro.

Condannato a 5 anni di reclusione

L’uomo è stato perciò arrestato e trattenuto all’interno delle camere di sicurezza della Questura. Nella mattinata odierna D.G. è stato giudicato con il rito direttissimo dal Tribunale di Pavia. Ha patteggiato la pena di 5 anni di reclusione. La sostanza stupefacente, il denaro contante e il materiale per il confezionamento sono stati posti sotto sequestro.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente