Giornale dei Navigli > Cronaca > Anziano aggredito e derubato in ascensore: preso uno degli aggressori VIDEO
Cronaca Naviglio grande -

Anziano aggredito e derubato in ascensore: preso uno degli aggressori VIDEO

Un 41enne marocchino, R.A., solito frequentare il quartiere popolare nella zona di San Siro.

Anziano aggredito

Anziano aggredito e derubato in ascensore: preso uno degli aggressori.

Anziano aggredito e derubato in ascensore: preso uno degli aggressori

MILANO – Il video immortala due persone incappucciate che aggrediscono alle spalle un anziano che sta entrando in ascensore.

La dinamica dell’aggressione

Si tirano su il cappuccio e uno afferra per il collo il pensionato mentre l’altro gli porta via tutti i soldi con violenza. Le indagini della polizia sono riuscite a incastrare uno dei due responsabili: un 41enne marocchino, R.A., solito frequentare il quartiere popolare nella zona di San Siro. Nel novembre del 2016, sottoposto agli arresti domiciliari, aveva aggredito un agente che lo aveva sorpreso in un bar.

La vittima

L’anziano, un 75enne residente in via Civitali, aveva sporto denuncia il 5 febbraio, giorno della rapina, descrivendo i due aggressori. I poliziotti del Commissariato Bonola sono risuciti a identificare il 41enne, riconoscendolo mentre transitavano lungo piazzale Selinunte.

Arrestato dai poliziotti

L’uomo era in sella a una bici, su cui ha tentato poi di scappare verso via Ricciarelli per cercare di sfuggire all’arresto. Ma gli agenti sono stati più veloci e lo hanno bloccato: il rapinatore era anche destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso a fine gennaio dal Tribunale di Milano. Per lui l’accusa, ora, è di rapina pluriaggravata in concorso.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente