Non dice all'amante che è sposato, il giudice lo condanna per sostituzione di persona

Testimone chiave nel processo, un’altra donna che aveva subito lo stesso trattamento, anche lei ingannata dal 47enne.

Non dice all'amante che è sposato, il giudice lo condanna per sostituzione di persona
Cronaca 24 Settembre 2019 ore 15:51

Non dice all'amante che è sposato, il giudice lo condanna per sostituzione di persona.       Foto: Procura di Teramo

Non dice all'amante che è sposato, il giudice lo condanna per sostituzione di persona

PIEVE EMANUELE – Viveva una doppia vita, con la moglie e con l’amante. A quest’ultima aveva fatto credere di essere un uomo separato e di essere persino pronto a sposarla.

Spesso a Teramo per lavoro

Lui, G.D.P., 47enne di Pieve Emanuele, come racconta il Messaggero, era invece sposato e padre di un bambino di due anni. La relazione con l’altra donna andava avanti da parecchio tempo a Teramo, città dove la donna viveva e dove il 47enne si recava spesso per lavoro. Fino a quando l’amante ha scoperto la lunga catena di bugie e inganni: durante un viaggio a Milano la donna capisce che la realtà non è come l’ha dipinta l’uomo. Mentre lei continuava a riporre speranze in una convivenza e in un matrimonio futuro, proseguendo a pagare spese per viaggi e per mandare avanti quella relazione, lui viveva la sua vita alle porte di Milano, con la moglie ignara della doppia esistenza del marito.

La denuncia

Quando è crollato il castello di menzogne, lo ha denunciato per sostituzione di persona. Il giudice, ora, lo ha condannato a due mesi di reclusione (con pena sospesa). Testimone chiave nel processo, un’altra donna che aveva subito lo stesso trattamento, anche lei ingannata dal 47enne.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home