Giornale dei Navigli > Cronaca > Allarme terapie intensive, i medici: situazione a rischio TUTTI I NUMERI | VIDEO
Cronaca Naviglio grande -

Allarme terapie intensive, i medici: situazione a rischio TUTTI I NUMERI | VIDEO

Da 5179 posti pre-Covid a 6458, ma siamo lontani dai 8732 posti letto totali, obiettivo fissato dal Governo a maggio.

Allarme terapie intensive medici

Allarme terapie intensive, i medici: situazione a rischio TUTTI I NUMERI.

Allarme terapie intensive, i medici: situazione a rischio TUTTI I NUMERI

A preoccupare non sono i numeri attuali, ma la tendenza, che si fa esponenziale. E perciò i medici lanciano l’allarme, perché a livello di terapie intensive a breve termine potrebbero verificarsi situazioni a rischio.

GUARDA IL SERVIZIO:


A rischio: il caso emblematico della Lombardia

In Lombardia 4 giorni fa +4 ricoverati in terapia intensiva, 3 giorni fa +82 giorni fa +11 (oggi fortunatamente solo +2).

Insomma, se immaginiamo di proiettare un trend di questo tipo nelle prossime settimane, potremmo trovarci da poche decine a diverse centinaia di pazienti ricoverati.

Al momento in Lombardia sono 64 i pazienti nelle rianimazioni: se dovessero superare la soglia di sicurezza dei 150, scatterebbero provvedimenti come la riattivazione precauzionale del famoso ospedale in Fiera che nella Fase 1 era rimasto poco utilizzato.

Regione Lombardia sta valutando se introdurre restrizioni locali più forti (deciderà fra un paio di giorni, numeri, alla mano) rispetto al nuovo Dpcm 13 ottobre 2020.

Quindici giorni per invertire la tendenza di aumento dei contagi e dei ricoveri, per scongiurare che gli ospedali milanesi vadano al collasso travolti da una nuova ondata di casi di coronavirus. È la stima del professor Massimo Galli, virologo dell’ospedale Sacco di Milano, che in un’intervista telefonica a Fanpage.it avverte:

“Bisogna fare grande attenzione alla situazione preoccupante dell’area metropolitana di Milano. Abbiamo pochissimo tempo”.

I posti in terapia intensiva sono aumentati, ma non basta

Dalla fase pre-Covid in cui i posti in terapia intensiva erano 5179, la situazione è migliorata: ora siamo a 6458 posto in tutta Italia.

Ma a maggio il Governo aveva stanziato 1.3 milioni di euro per raggiungere l’obiettivo di 8732 posti letto totali: un target che non è stato raggiunto.

Solo Veneto, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia sono riusciti a stare nei parametri di sicurezza indicati dal Governo, ovvero 14 posti ogni 100mila abitanti.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Protesta studenti Falcone Righi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente