Giornale dei Navigli > Cronaca > Dalla provincia di Napoli a Milano per rapinare le banche: arrestato 49enne di Giugliano
Cronaca Naviglio grande -

Dalla provincia di Napoli a Milano per rapinare le banche: arrestato 49enne di Giugliano

Era solito minacciare gli impiegati delle banche con un piede di porco e punteruoli.

a milano per rapinare banche

Dalla provincia di Napoli a Milano per rapinare le banche: arrestato 49enne di Gugliano.

Dalla provincia di Napoli a Milano per rapinare le banche: arrestato 49enne di Giugliano

MILANO – Era in fuga da quando il Tribunale di Milano aveva emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata alle rapine in banca, sequestro di persona e ricettazione.

Due rapine ai danni di banche milanesi

Formalmente, Antonio Basile, 49enne di Giugliano considerato vicino al clan Mallardo, era latitante dal 30 ottobre, da quando aveva fatto perdere le proprie tracce. Secondo gli inquirenti, l’uomo è responsabile, insieme ad altre persone già finite in manette, dell’organizzazione e dell’esecuzione di due rapine ai danni di banche milanesi.

La prima rapina presso la Popolare di Milano

Il 27 marzo 2018 è entrato in una filiale della Banca Popolare di Milano con un cappuccio calato sul volto. Poi, sotto la minaccia di un piede di porco e di punteruoli, ha portato via oggetti preziosi del valore di circa 23mila euro. Durante la rapina, ha anche chiuso in bagno il direttore della filiale e due dipendenti: da qui l’accusa di sequestro di persona.

La seconda rapina

Il secondo episodio risale al 2 maggio, quando Basile ha preso di mira un’altra filiale, sempre dello stesso istituto di credito. Anche in quel caso ha usato un piede di porco e ha puntato un cacciavite alla gola del direttore. Bottino ricco: Basile si era intascato 16.500 euro, 1.600 franchi svizzeri, 1.100 sterline ed era scappato anche con il contenuto di 35 cassette di sicurezza in cui erano custoditi preziosi del valore superiore al milione di euro.

Localizzato dai carabinieri

Dopo intense ricerche, i carabinieri lo hanno localizzato in una villetta bifamiliare lungo la fascia costiera di Giugliano in Campania, provincia di Napoli. All’esterno dell’abitazione aveva installato delle telecamere nascoste per anticipare i movimenti delle forze dell’ordine. In casa, i carabinieri di Gugliano hanno sequestrato denaro contante e una parrucca utilizzata per mettere a segno le rapine.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente