L’intitolazione della piazza

Vomm e Rozzano ricordano Piero Postet, il rivoluzionario chimico innovatore

È diventata “piazzale Pietro Postet” l’area alla fine di via Curiel, davanti all’ingresso dell’azienda Vomm.

Vomm e Rozzano ricordano Piero Postet, il rivoluzionario chimico innovatore
Attualità Rozzano, 23 Luglio 2021 ore 12:44

Vomm e Rozzano ricordano Piero Postet, il rivoluzionario chimico innovatore.

Vomm e Rozzano ricordano Piero Postet, il rivoluzionario chimico innovatore

ROZZANO – È diventata “piazzetta Piero Postet”, l’area alla fine di via Curiel, davanti all’ingresso dell’azienda Vomm, fiore all’occhiello e orgoglio made in Italy di Rozzano, leader a livello internazionale nei servizi di ingegneria e costruzione nel settore ambientale, chimico farmaceutico e agroalimentare. Non solo: anche la sala prova dell’azienda, un vero laboratorio di ricerca e sviluppo, è stato intitolato al chimico.

Vomm e Rozzano ricordano Pietro Postet

La genialità del dottor Postet

Chi ha avuto il privilegio di conoscerlo, di lavorarci insieme, sottolinea del compianto dottor Postet la “genialità, il ruolo decisivo che ha ricoperto nell’ideazione e realizzazione di tecnologie e processi industriali innovativi, in particolare in ambito ambientale, che ce lo faranno ricordare come un vero inventore dei tempi moderni”.

Il suo ruolo decisivo nello sviluppo di Vomm

Idee e progetti fondamentali per lo sviluppo di Vomm, con ricadute positive in termini sociali, occupazionali e sviluppo del territorio. L’intitolazione della piazza è un simbolo importante, riconoscimento per il lavoro svolto e per la personalità di Piero Postet.

L'inaugurazione

Vomm e Rozzano ricordano Pietro Postet

All’inaugurazione erano presenti il presidente di Vomm, Corrado Vezzani, con il figlio Maurizio, il sindaco Gianni Ferretti, la figlia del dottore, Vittoria Postet, e molti dipendenti dell’azienda.

Vomm e Rozzano ricordano Pietro Postet

Chi era Piero Postet

Triestino di nascita, formazione da chimico, Postet ha collaborato con Vomm per oltre 30 anni. “Ne è stato il motore, contribuendo in modo sostanziale all’innovazione tecnologica da sempre alla base del successo dell’azienda rozzanese – raccontano da Vomm –.

Aveva uno stile di lavoro diretto, chiaro, essenziale, scoprendo soluzioni tecnologiche innovative con disarmante semplicità. Per la sua incredibile capacità innovativa, è diventato anche il responsabile della brevettazione dell’azienda, con l’eccezionale qualità di pensare sempre a nuove applicazioni della Turbotecnologia in settori fortemente diversificati”.

I progetti di moderna tecnologia italiana a cui ha preso parte

Tanti i progetti di moderna tecnologia italiana a cui ha preso parte. Un esempio? L’importante bonifica dei depositi di fanghi chimici della Acna di Cengio, una vera emergenza nazionale, e la conversione dei rifiuti industriali in combustibile biomassa, alla base degli impianti Vomm, apprezzati in tutto il mondo per la loro efficienza produttiva.

La rivoluzione nella tostatura del caffè

Non solo: il chimico ha sviluppato progetti sul trattamento termico delle farine e sulla valorizzazione delle farine leguminose e di alimenti in generale. Sua, per esempio, l’idea di rivoluzionare la tostatura del caffè, sviluppando un processo che abbatte l’impatto ambientale della lavorazione rispetto a quello utilizzato tradizionalmente, come spiegano dall’azienda.

Un uomo che merita assolutamente di essere ricordato e di far parte della storia

Piero non è stato solo capace di intuire e rivoluzionare, ma anche di lasciare un segno in chi lo ha conosciuto. “Sempre umile e disponibile, aggiornato e al passo coi tempi, fino ai suoi ultimi giorni – sottolineano dall’azienda –. Ha formato decine di giovani manager con semplicità e determinazione. Un esempio nei fatti e nei piccoli gesti quotidiani, oltre che nei grandi progetti e nelle idee rivoluzionarie”. Un uomo che merita di essere ricordato. E di passare alla storia.