Via Roma presa d'assalto dai ragazzini incivili, l'appello: "Genitori, insegnate il rispetto" FOTO

L'esasperazione dei commercianti di via Roma al civico 35.

Via Roma presa d'assalto dai ragazzini incivili, l'appello: "Genitori, insegnate il rispetto" FOTO
Attualità 03 Giugno 2019 ore 11:18

Via Roma presa d'assalto dai ragazzini incivili, l'appello: "Genitori, insegnate il rispetto".

Via Roma presa d'assalto dai ragazzini incivili, l'appello: "Genitori, insegnate il rispetto"

ASSAGO – Ogni giorno la stessa storia. I commercianti di via Roma, al civico 35, devono sopportare vandalismi di ogni tipo. Dalle scritte sui muri, con bestemmie, insulti, e firme di un poco convincente ma grande espressione di ignoranza “Movimento neo nazzista”, con due zeta, ai rifiuti lasciati in ogni angolo.

L'esasperazione dei negozianti

I negozianti devono tirare su la saracinesca ogni giorno tra cartacce, filtri di sigarette, vetri e lattine, abbandonate dai ragazzi che passano sotto i portici della struttura, lasciando il segno. Un segno di degrado e inciviltà, che i commercianti non riescono proprio a fermare. “Se ci permettiamo di riprenderli, dicendo loro di usare il cestino, ci insultano e ci troviamo le scritte il giorno dopo sulle vetrine dei nostri negozi”, alzano le spalle i commercianti, ormai esasperati da un atteggiamento costante. Avevano anche provato a ripulire, a loro spese, ma il giorno dopo le pareti della struttura si erano riempite ancora di scritte.

SFOGLIA LA GALLERY:

10 foto Sfoglia la gallery

 

La maleducazione dei ragazzini

Si tratta di ragazzini, under 16 per lo più, che hanno poca familiarità con il concetto di educazione e rispetto. Ed è proprio a mamme e papà che i negozianti lanciano un appello: “Ci rivolgiamo a voi genitori. Sono i vostri figli a fare questo e non si limitano solo a sporcare: insulti, bestemmie, anche davanti ai più piccoli. La situazione è insostenibile”, anche perché “invece di chiedere scusa quando vengono rimproverati, rispondono a tono e ci lasciano insulti sui muri”.

L'appello ai genitori: intervenite

Ogni giorno i commercianti puliscono e ripuliscono, “abbiamo anche messo cestini e cartelli invitando questi ragazzi a utilizzarli – raccontano –. Risposta: immondizia per terra, ancora di più, e altri insulti sotto i cartelli, dicendoci “pulite, merde”. Fatichiamo a credere che i genitori non si rendano conto di quello che combinano i propri figli fuori casa”. I negozianti sono disperati, anche perché ogni giorno devono presentarsi almeno un’ora prima al lavoro per ripulire quello che i ragazzi hanno combinato il giorno prima, tra cartacce, rifiuti e pipì, perché fanno anche quello agli angoli dei negozi. “Iniziate a fare i genitori e prendetevi cura dei vostri figli”, chiedono esasperati i negozianti che si preparano ad agire attarverso le forze dell’ordine. Anche se l’appello lo vogliono fare a mamme e papà, chiedendo di vigilare in modo più attento i propri ragazzi e di insegnare loro cosa significa rispettare gli altri.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!