Giornale dei Navigli > Attualità > La Torre Velasca venduta agli americani: un progetto di riqualificazione
Attualità Naviglio grande -

La Torre Velasca venduta agli americani: un progetto di riqualificazione

L’idea è di trasformare la Torre in uno “spazio di lavoro moderno e contemporaneo”.

Torre Velasca venduta

La Torre Velasca venduta agli americani: un progetto di riqualificazione.

La Torre Velasca venduta agli americani: un progetto di riqualificazione

MILANO – Il fondo immobiliare con sede negli Stati Uniti, il gruppo Hines, ha acquistato uno dei simboli dell’architettura milanese, la Torre Velasca.

Uno dei simboli della città di Milano

È uno dei primi grattacieli di Milano, realizzato tra il il 1955 e il 1957 dallo Studio BBPR, massimo esempio dell’architettura che rispecchia la corrente del brutalismo. Uno stile che mette in bella mostra la serietà del cemento a vista, combinato con i pilotis tanto cari al maestro dell’architettura moderna Le Corbusier: sottili pilastri che contrastano la severità del cemento. Insomma, che piaccia o no esteticamente, la Torre milanese alta 106 metri è un simbolo della città da decenni.

Il progetto di riqualificazione

La proprietà di UnipolSai passa quindi al gruppo Hines, gestita attraverso un fondo di investimento di Prelios Sgr (gestione e servizi immobiliari). Nei piani del nuovo acquirente c’è un progetto di riqualificazione e ammodernamento degli spazi, compresa la piazza su cui sorge l’edificio. L’idea è di trasformare la Torre in uno “spazio di lavoro moderno e contemporaneo”. Secondo alcune notizie, il valore dell’operazione si aggira intorno ai 150 milioni di euro, ma la cifra non trova conferme ufficiali.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente