Menu
Cerca
SPECIALE BELLEZZA E BENESSERE

Stile di vita attivo: come mantenerlo?

Le attuali raccomandazioni dell’OMS per la popolazione adulta consigliano di svolgere nel corso della settimana un minimo di 150 minuti di attività fisica aerobica d’intensità moderata.

Stile di vita attivo: come mantenerlo?
Attualità Naviglio grande, 13 Maggio 2021 ore 15:00

Stile di vita attivo: come mantenerlo?

Stile di vita attivo: come mantenerlo?

Le attuali raccomandazioni dell’OMS per la popolazione adulta consigliano di svolgere nel corso della settimana un minimo di 150 minuti di attività fisica aerobica d’intensità moderata. Oppure un minimo di 75 minuti di attività vigorosa più esercizi di rafforzamento dei maggiori gruppi muscolari 2 o più volte a settimana. Ciò può essere realizzato, ad esempio, attraverso 5 sessioni di esercizio ad intensità moderata a settimana della durata minima di 30 minuti. Oppure svolgendo almeno 25 minuti di esercizio di intensità vigorosa per 3 volte a settimana.

Come mantenere uno stile di vita attivo

L’attività di moderata intensità consente solitamente di poter parlare agevolmente. L’attività di intensità vigorosa, invece, rende più difficoltoso conversare, tanto da non riuscire a pronunciare che poche parole prima di riprendere fiato. E’ importante iniziare sempre gradualmente e aumentando di volta in volta durata, frequenza e intensità dell’esercizio fisico.

L’attività fisica da svolgere in casa

Partiamo dell’usare le scale al posto dell’ascensore, sia in discesa che in salita o sali e scendi ripetutamente da uno scalino. Giocare con i figli è un’altra buona idea, così come muoversi a ritmo di musica, ad esempio mentre si parla al telefono o si fanno le faccende domestiche. Saltare con la corda e partecipare a lezioni di ginnastica on-line sono altri spunti. Spazio poi ad alcune attività di rafforzamento muscolare come sollevare pesi utilizzando bottiglie piene d’acqua o semplicemente usando il nostro peso corporeo e fai delle serie di piegamenti sulle braccia (push ups). Una serie di flessioni non guasta, ma anche esercizi “a corpo libero” sul posto (ad esempio piegamenti sulle gambe, effettuati anche semplicemente alzandosi ripetutamente da una sedia o dal divano) o marcia, correndo e saltando sul posto.

Altri consigli utili

Un buon consiglio è alternare periodicamente la posizione seduta/reclinata con quella in piedi (ad esempio ogni 30 minuti) soprattutto se si lavora in smart working, interrompendo il lavoro per fare pause attive. Oltre ad alternare la posizione è bene fare brevi camminate, piegamenti sulle gambe, esercizi di stretching. Infine è opportuno utilizzare attrezzi da ginnastica come cyclette, tapis roulant, elastici, piccoli pesi, se li abbiamo in casa, per fare esercizio fisico.