Giornale dei Navigli > Attualità > Stabile il mercato dell’orologeria in Italia, 6,5 milioni di pezzi venduti (+1,4%)
Attualità, Economia e scuola Naviglio grande -

Stabile il mercato dell’orologeria in Italia, 6,5 milioni di pezzi venduti (+1,4%)

Gli orologi rappresentano (soprattutto al giorno d’oggi) dei beni sui quali è possibile investire con un bassissimo margine di rischio.

mercato dell'orologeria

Stabile il mercato dell’orologeria in Italia, 6,5 milioni di pezzi venduti (+1,4%).

Stabile il mercato dell’orologeria in Italia, 6,5 milioni di pezzi venduti (+1,4%)

Stiamo vivendo un’epoca che ci propone sempre di più dispositivi tecnologici di nuova generazione per segnalare l’ora, ma il fascino e l’eleganza dell’orologio da polso resta intramontabile; a confermarlo sono i dati registrati da un mercato che, nel 2019, ha raggiunto il valore di 2,09 miliardi di euro. Considerando l’indagine svolta su acquirenti esclusivamente italiani e condotta da Consumer Orologi 2019, poi, viene evidenziato un mercato da 1,33 miliardi di euro (-2,9%), per un totale di 6,5 milioni di pezzi venduti (+1,4%).

Orologi, vince ancora la tradizione

I dati di settore mettono in evidenza un’altra tendenza interessante, relativa ai costi medi dei pezzi di orologeria: nello specifico, il prezzo medio appare in calo sia per quanto riguarda l’ambito retail (passando da 245 a 242 euro) sia per quello consumer (da 212 a 203). Un altro trend sorprendente riguarda il canale delle gioiellerie e delle orologerie tradizionali, che sta vivendo una positiva inversione di tendenza rispetto all’anno scorso, salendo dal 44,5% al 47% in termini di quantità di vendite e dal 48% al 52% per quel riguarda il valore. La tradizione, insomma, continua a vincere in questo settore e gli appassionati di orologi preferiscono recarsi fisicamente in un punto vendita per procedere all’acquisto. Naturalmente ciò accade soprattutto quando si tratta di grandi marchi dell’orologeria di lusso: i consumatori interessati ai modelli più in vista preferiscono il canale “fisico” rispetto a quello digitale, affidandosi a punti di riferimento storici come la Boutique Rolex di Pisa Orologeria a Milano, ad esempio, e sfruttando le risorse online prevalentemente in fase decisionale, per raccogliere più informazioni possibili.

“Beni rifugio”: un investimento sicuro

D’altronde gli orologi rappresentano (soprattutto al giorno d’oggi) dei beni sui quali è possibile investire con un bassissimo margine di rischio. A differenza delle alterazioni dei mercati in borsa, infatti, le opere d’arte e gli orologi di lusso sono considerati a ragione dei “beni rifugio”, in quanto si dimostrano ben più forti delle crisi economiche. Per averne la prova è sufficiente dare un’occhiata alle notizie relative alle aste negli anni 2018 e 2019, i cui trend confermano come il valore di questi oggetti continui a crescere senza sosta. Celebri modelli di alcuni importanti marchi di lusso, nel giro di appena tre anni, hanno visto aumentare il loro valore da 5mila a 18mila euro; e se si considerano anche quei modelli di orologi che in passato sono appartenuti a celebrità del mondo del cinema e dello spettacolo, il “prezzo di listino” molto probabilmente si decuplicherà nel giro di pochi anni.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente