Giornale dei Navigli > Attualità > Spostamento campo Sinti, protesta del centro destra: raccolte 400 firme
Attualità Buccinasco -

Spostamento campo Sinti, protesta del centro destra: raccolte 400 firme

Da domani sabato 30 marzo saranno nelle piazze di Buccinasco con i gazebo.

Spostamento campo Sinti

Spostamento campo Sinti, protesta del centro destra: raccolte 400 firme.

Spostamento campo Sinti, protesta del centro destra: raccolte 400 firme

BUCCINASCO – “L’Amministrazione comunale di Buccinasco ha stanziato a bilancio 500mila euro per lo spostamento del campo Sinti abusivo da via Dei Lavoratori su un terreno di proprietà comunale in via del Commercio, a stretto contatto con le aziende più importanti del territorio, in un tessuto industriale: non di certo un ambiente sano e idoneo alla vita residenziale.

Centro destra in piazza

Da domani sabato 30 marzo saremo in piazza con i gazebo, tutti i sabati dalle 8.30 alle 12.30 in via Emilia nei pressi del mercato comunale, la seconda domenica di ogni mese a Romano Banco in piazza Cavalieri di Vittorio Veneto in occasione del mercato “Buccinasco Km0” e del mercato “Pulci e non solo”. Aspettiamo una risposta forte dei cittadini di Buccinasco, visto che i 500mila euro stanziati sono soldi interamente versati da loro nelle casse comunali; è impensabile che i soldi dei contribuenti non vengano usati per la manutenzione di strade e marciapiedi, delle scuole, degli impianti sportivi e la sistemazione dei parchi.

Un tavolo comune

Proponiamo l’apertura di un tavolo tra il Comune di Buccinasco, il Prefetto in rappresentanza del Ministero del’Interno e Regione Lombardia per trovare una soluzione al problema, in modo da non gravare ulteriormente sulle tasche dei Buccinaschesi”. La Lega annuncia così una raccolta firme e una protesta partita dai rappresentanti del Carroccio a cui hanno aderito gli esponenti di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Centristi e Popolari per Buccinasco. “In meno di una settimana – commenta il consigliere della Lega Manuel Imberti – abbiamo già raccolto 400 firme tra le aziende della zona industriale. Invitiamo i cittadini di Buccinasco a firmare perché é l’unico modo per fermare questo inutile spreco di denaro”.

La posizione di Forza Italia e di Fratelli d’Italia

Il gruppo consiliare di Forza Italia aggiunge: “È ora di dire basta allo sperpero di denaro pubblico per spostare una situazione di illegalità, tollerata fino ad oggi dalle amministrazioni di centrosinistra che hanno speso centinaia di migliaia di euro per manutenzioni ordinarie e straordinarie”. Sulla questione anche Mariagrazia Barbisan, coordinatrice di Fratelli d’Italia: “Aderiamo senza riserve all’iniziativa della Lega, condividendone gli scopi e la necessità. Fratelli d’Italia garantisce perciò sostegno e partecipazione a tutte le azioni indispensabili per contrastare l’ennesima decisione sbagliata della giunta Pruiti, l’ultima di una lunga serie di scelte amministrative assurde e insensate che danneggiano Buccinasco”. “Negli ultimi 15 anni la sinistra ha amministrato per 10 anni – commentano anche i Centristi e Popolari per Buccinasco -: ci chiediamo quale sia il reale processo di integrazione realizzato, se ad oggi circa 100 persone vivono ancora in modo stanziale al di fuori del tessuto residenziale e nel bel mezzo dell’area industriale del nostro paese. Ci si chiede dove sia finita la sbandierata “inclusione” che spesso riecheggia negli slogan di amministratori e consiglieri di maggioranza. Se si vuole davvero essere a favore dell’integrazione, si devono ampliare e favorire le opportunità e le condizioni per far sì che le persone e le famiglie che oggi vivono nell’attuale campo si spostino all’interno del tessuto residenziale”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente