Giornale dei Navigli > Attualità > Si tuffò in acqua per salvare una ragazza: carabiniere premiato dal Comandante dell’Arma FOTO
Attualità Trezzano -

Si tuffò in acqua per salvare una ragazza: carabiniere premiato dal Comandante dell’Arma FOTO

Si era tuffato nelle acque gelide del Naviglio un anno fa per riportare a riva una ragazza di 28 anni.

Si tuffò in acqua

Si tuffò in acqua per salvare una ragazza: carabiniere premiato dal Comandante dell’Arma.

Si tuffò in acqua per salvare una ragazza: carabiniere premiato dal Comandante dell’Arma

TREZZANO SUL NAVIGLIO – Si era tuffato nelle acque gelide del Naviglio un anno fa, per riportare a riva una ragazza di 28 anni che si era sporta troppo dal Ponte Gobbo, territorio Trezzano, ed era scivolata nel Naviglio.

Il fatto accaduto un anno fa

Poco dopo mezzanotte erano intervenuti un vigilante della società la Patria di Busto Arsizio, Sean Donadoni, anche lui in acqua per soccorrere la donna, e due carabinieri di Trezzano, Martina Duranti e Francesco Ernani. Ernani si è tolto il giubbotto e la pistola e si è tuffato nelle acque freddissime. A riva lo seguiva la collega Duranti e, tutti insieme, sono riusciti a ripescare la giovane, assistita immediatamente dai soccorritori giunti sul posto che l’hanno portata con un principio di assideramento e sotto choc al pronto soccorso, per fortuna non in pericolo di vita.

Ieri la visita del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri

I carabinieri, in quell’occasione, avevano commentato il gesto eroico con umiltà: “Abbiamo solo fatto il nostro dovere”. Un atto che non è rimasto indifferente ai vertici dell’Arma. Nel pomeriggio di ieri, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Giovanni Nistri, si è recato in visita al Comando Interregionale “Pastrengo” di Milano, per il tradizionale incontro con i reparti dell’Arma per gli auguri di Natale. A riceverlo nella caserma “Ugolini” di via della Moscova c’era il Comandante della “Pastrengo”, Gen. C.A. Gaetano Maruccia, che ha salutato il Comandante Generale a nome di una folta rappresentanza di militari giunti dalle Legioni Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta e Liguria.

SFOGLIA LA GALLERY:

Il bilancio annuale degli interventi dell’arma

Il Generale Maruccia ha ricordato al Comandante Generale come i carabinieri del Nord Ovest abbiano interpretato nel migliore dei modi il ruolo della divisa tra la gente, che è fatto soprattutto di umanità, solidarietà e vicinanza. Il Comandante Generale, nel ringraziare il Generale Maruccia per l’attività svolta dai carabinieri dell’Interregionale che ancora una volta si sono nettamente distinti sul panorama nazionale, ha voluto ricordare il sacrificio dei carabinieri che hanno perso la vita quest’anno nell’adempimento del proprio dovere: il Maresciallo Vincenzo Di Gennaro, di 47 anni, ucciso a Cagnano Varano, Foggia, il 13 aprile 2019, il carabiniere Emanuele Anzini, di 41 anni, travolto a un posto di blocco a Terno d’Isola, Bergamo, il 17 giugno 2019, e il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega, di 35 anni, ucciso a Roma il 26 luglio 2019. Il Generale Nistri ha tratto un bilancio consuntivo dell’attività a livello nazionale, ricordando che l’Arma procede per il 73% dei delitti denunciati, che il 65% dei delitti sono stati scoperti dall’Arma e che per il 60% degli arresti in flagranza hanno proceduto i carabinieri.

Il Comandante Generale ha consegnato personalmente le ricompense

Nel ricordare che l’attività dei carabinieri è fatta di scene di quotidiana straordinarietà, che raccontano della solidarietà e dell’attenzione verso il prossimo con cui ogni militare svolge il proprio servizio in Italia e all’estero, descritte da Margaret Mazzantini nella nuova edizione del calendario storico, il Comandante Generale ha voluto consegnare personalmente alcune ricompense ai carabinieri che si sono distinti in attività di salvataggio.

I carabinieri premiati

L’appuntato Francesco Ernani della stazione di Trezzano, guidata dal comandante Michele Cuccuru, ha quindi ricevuto un encomio solenne del Comandante Generale. Insieme a lui, ad altri militari è stato conferito il riconoscimento: al capitano Antonio Villano, e al brigadiere capo Giovanni Maresca e il vice brigadiere Francesco Germano, per le attività di ricerca e soccorso dei numerosi feriti rimasti intrappolati tra le lamiere delle proprie autovetture dopo il crollo del ponte Morandi di Genova (Genova, 14 agosto 2018); il carabiniere scelto Christian Mark Testa, per essersi tuffato nelle acque del torrente Arnetta per soccorrere un uomo che, per cause accidentali, era in procinto di affogare a Cavaria con Pernezzo, Varese, il 6 febbraio 2019.

LEGGI ANCHE: Ragazza caduta nel Naviglio e salvata, Abbiamo solo fatto il nostro dovere

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente