Giornale dei Navigli > Attualità > Progetto Lavagna al via: sportelli di ascolto, tirocini di lavoro e piani finanziari
Attualità Corsico -

Progetto Lavagna al via: sportelli di ascolto, tirocini di lavoro e piani finanziari

Il piano che riguarda Corsico è rivolto a 506 nuclei che vivono negli alloggi Aler.

Progetto Lavagna al via: sportelli di ascolto, tirocini di lavoro e piani finanziari.

Progetto Lavagna al via: sportelli di ascolto, tirocini di lavoro e piani finanziari

CORSICO – Il progetto si chiama “Quartiere Lavagna: disegnare nuovi scenari di inclusione sociale” e in soldoni, è il caso di dirlo, si tratta di 250mila euro da destinare al quartiere popolare tra Corsico e Cesano, spesso dimenticato un po’ perché i palazzi e gli edifici (come quel supermercato che attende da anni la rimozione dell’amianto del tetto) sono di Aler e quindi dovrebbe essere l’Azienda Lombarda Edilizia Residenziale a occuparsene, un po’ perché troppo spesso è rimasto ai margini o si è reso scenario di fatti di cronaca nera.

Copertura economica

“Nei mesi scorsi abbiamo presentato un progetto – spiega il sindaco Filippo Errante – che è rientrato tra i 33 approvati da Regione, ma non nella prima tranche di quelli finanziati. Ora riceve la copertura economica per poter essere avviato. Il progetto conferma il nostro impegno a favore del quartiere Lavagna”.

Entro il 2020

Una volta ottenuto il finanziamento regionale, il Comune procederà con i partner che erano stati individuati dal progetto per verificare le diverse fasi operative e quindi per definire le azioni da mettere in campo fin dai prossimi mesi. I progetti finanziati dovranno concludersi entro il 2020, con una durata massima due anni, senza proroghe.

506 nuclei familiari coinvolti

Il piano che riguarda Corsico è rivolto a 506 nuclei che vivono negli alloggi Aler (via Curiel, Cellini, Marzabotto e Italia), tutti con differenti fasce di età e situazioni di vulnerabilità (come anziani soli, disabili, famiglie monoparentali con bimbi piccoli) e alto tasso di disoccupazione.

Gli obiettivi

L’Amministrazione spiega gli obiettivi del progetto: “ridisegnare sia l’attivazione sociale del quartiere, sia i legami sociali, sia i rapporti tra inquilini ed Ente gestore/proprietario degli alloggi e tra inquilini e servizi sociali territoriali; prevenire e sensibilizzare sui temi del consumo e del contrasto alla morosità incolpevole; sviluppare e consolidare relazioni collaborative tra inquilini, proprietari e Aler verso una sperimentazione di forme ibride di gestione condivisa degli stabili”.

In pratica

Saranno istituiti sportelli di ascolto, informazione e orientamento, programmati momenti di aggregazione, grazie alla sinergia tra condomini e associazioni locali, e previsti percorsi di educazione finanziaria e gestione del patrimonio, oltre a iniziative per sensibilizzare sulla cura delle parti del quartiere e degli spazi comuni degli stabili.

Piani di rientro e inclusione

Importante anche l’attivazione di piani di rientro per soggetti morosi incolpevoli e i piani di inclusione attiva che riguardano accompagnamento, formazione e tirocini per chi è in cerca di lavoro. “Grazie a questo finanziamento – evidenzia l’assessore alle Politiche sociali e della casa Fabio Raimondo – andremo a intervenire in un quartiere che merita tutta la nostra attenzione. L’obiettivo è quello di favorire la coesione sociale e l’inclusione lavorativa dei nuclei familiari che vivono un disagio abitativo”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente