Premio Galdus 2020 | Cosa scelgono i giovani e perché

La giuria è presieduta dal maestro Franco Loi e dal presidente onorario Liliana Segre.

Premio Galdus 2020 | Cosa scelgono i giovani e perché
Attualità 18 Maggio 2020 ore 17:38

Premio Galdus 2020 | Cosa scelgono i giovani e perché.

Premio Galdus 2020 | Cosa scelgono i giovani e perché

Milano – Galdus non si è mai fermata: anche le attività formative e professionalizzanti rivolte ai giovani sono proseguite con nuove modalità e strumenti, così come il concorso letterario che ha affascinato oltre mille studenti. Avanti con lo stesso impegno ed entusiasmo per costruire un percorso personale e professionale, positivo e soddisfacente.

Il 21 maggio, la consegna del premio

Il prossimo 21 maggio, dalle ore 10.30 alle 11.30 in un incontro a distanza verrà consegnato ai migliori lavori il Premio Galdus 2020 sul tema dell’anno, “Il coraggio di scegliere”.

Quest’anno la consegna dei lavori dei ragazzi si è intrecciata col periodo di lockdown; un tempo che ha permesso loro di ripensare a momenti storici del passato (dal genocidio degli Armeni alla seconda guerra mondiale) o alla stringente attualità (le scelte compiute da medici e infermieri, volontari e istituzioni). Impressionati dalla capacità degli studenti di leggere la storia presente e passata, rielaborando fatti e scelte compiute, i giurati hanno deciso di aggiungere la categoria “Attuakità”.

Il concorso

Da 14 anni professionisti, artisti, poeti, scrittori accompagnano gli studenti a riflettere su di sé, sulla storia, sulla società in cui viviamo e ad esprimere il proprio sentire attraverso la tecnica.
Questa formula esperienziale riesce ad appassionare i giovani; a testimoniarlo sono i 20.000 studenti che hanno partecipato al concorso dalla sua nascita. Cresce anche la collaborazione con le imprese, come quella nata tre anni fa con Pomellato, la maison italiana d’oreficeria che collabora con la scuola e sostiene il talento giovanile attraverso il progetto culturale del premio Galdus.

Quando

Consegna del XIV Premio Galdus
21 maggio 2020
dalle ore 10.30 alle 11.30
Videoconferenza – https://www.youtube.com/user/GaldusFormazione

I numeri del premio 2020

900 ragazzi delle scuole secondarie di primo grado
1300 ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado
40 le scuole di Milano coinvolte in attività di incontri e laboratori
1.000 i testi, le poesie, i manufatti artistici e digitali pervenuti.

Gli invii provengono sia dalle scuole di Milano sia da quelle di altre città d’Italia (Bergamo, Aosta, Cesena, Trento, Treviglio…) che hanno risposto autonomamente al bando, conoscendo la nostra scuola, trovandolo in internet, vedendo pubblicità su PrimaEffe di Feltrinelli, etc…

I partner

Da 14 anni la scuola professionale Galdus di Milano in collaborazione con una rete di partner istituzionali e privati ha creduto nel progetto. La storica partnership con Librerie laFeltrinelli si è rafforzata con Prima Effe Feltrinelli per la Scuola. Il progetto ha il patrocinio di Regione Lombardia e del Comune di Milano, realizzato in collaborazione con Associazione Figli della Shoah, Bookcity per le Scuole, Centro Culturale di Milano, Fondazione Memoriale della Shoah, Fondazione 3M, Giunti Editore, Editrice Il Castoro, Luni Editrice, Mediagraf, MIC Museo Interattivo del Cinema.

La storia e i numeri

“Come appassionare i giovani alla lettura e alla scrittura?” Ieri come oggi è una delle grandi sfide della scuola. Una risposta arriva, 15 anni fa, nelle aule della scuola professionale Galdus anche grazie ad un testimone come il giornalista Bruno Pizzul che inizia ad appassionare gli studenti con le sue cronache sportive radiofoniche e con la sua storia, la sua esperienza, la sua passione, la sua persona. Seguono, tra i tanti, l’incontro con Maurizio Nichetti, Antonio Scurati, Beatrice Masini, Gianni Biondillo, Giacomo Poretti, Zita Dazzi, Annarita Briganti, Annamaria Catano fino al presidente emerito della corte costituzionale Paolo Grossi.

Così nasce e cresce rapidamente il concorso Premio Galdus, continuando a voler sviluppare tra i giovani le competenze base di lettura e scrittura per leggere sé stessi e la realtà, per comunicare e costruire relazioni di valore con gli altri e diventare quindi cittadini consapevoli e responsabili. Da concorso interno alla scuola diventa nazionale, da contest esclusivamente letterario si arricchisce di una sezione artistica. Nove anni fa il poeta Franco Loi accetta la direzione artistica della giuria del Premio affiancato successivamente dal presidente onorario, la senatrice a vita Liliana Segre. Fin da subito Librerie laFeltrinelli offrono i premi per i ragazzi: la loro collaborazione, come quella successiva di numerosi altri partner istituzionali e privati, ha reso possibile di arrivare ad oggi. Ai “giovedì del Premio Galdus” oggi i maestri di varie professioni incontrano gli studenti, presso la scuola professionale Galdus che si apre alla città o negli spazi messi a disposizione dal Comune di Milano per offrire ai giovani occasioni di riflessione, crescita, stimolo e confronto.
In 14 edizioni 20.000 ragazzi hanno partecipato alle iniziative del Premio Galdus, più di 2.000 solo nell’ultima, conclusasi il 22 maggio scorso a Palazzo Regione Lombardia. A Milano partecipano in media più di 70 scuole medie e superiori, altrettante ogni anno da tutta Italia seguono le proposte e inviano i lavori alla giuria del Premio Galdus.

La giuria

La giuria è presieduta dal maestro Franco Loi e dal presidente onorario Liliana Segre, senatrice a vita e presidente dell’Associazione Figli della Shoah, è composta da giornalisti, scrittori, insegnanti e artisti a cui è affidata la valutazione delle opere secondo la categoria di competenza. I membri della giuria: POESIA: Franco Loi, Massimiliano Mandorlo, Paolo Senna. PROSA: Annarita Briganti, Edoardo Brugnatelli, Benedetta Centovalli, Antonietta Inga, Matteo Luteriani, Paolo Soraci. ARTE: Rita Beretta, Sarah Bolzoni, Roberto Franchi, Maurizio Milani. VIDEO: Silvia Pareti. MANUFATTO DI OREFICERIA: Sabina Belli.

La chiave di lettura

Dal 2015, ogni anno viene conferito dagli studenti un premio speciale, “La chiave di lettura del Premio Galdus”, all’autore o personalità del mondo della cultura che abbia partecipato alla Rassegna Culturale del Premio e che sia distinto in modo particolare per la capacità di trasmettere valori, insegnamenti e spunti di riflessione sul tema del concorso, attraverso la sua storia professionale e personale. Nelle precedenti edizioni hanno ricevuto il riconoscimento il poeta e maestro Franco Loi, la scrittrice e traduttrice Beatrice Masini (2015) la signora Liliana Segre, senatrice a vita e presidente dell’Associazione Figli della Shoah (2016), gli autori Marco Erba (2017) e Luigi Ballerini (2018), Paolo Grossi, Presidente Emerito della Corte Costituzionale (2019).

La scuola professionale Galdus

Da 30 anni la scuola professionale Galdus a Milano prepara gli studenti che hanno concluso la terza media ad un mestiere in molteplici settori professionalizzanti, in sinergia con circa 2.000 aziende del territorio. La didattica si sviluppa inizialmente in tre anni, a seguito dei quali si consegue la qualifica con la possibilità di proseguire il quarto anno per il diploma tecnico- professionale e accedere a un percorso IFTS (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore) e ITS (Istruzione Tecnica Superiore), fino al completamento in 7 anni della filiera formativa professionale.
Ai giovani tra i 15 e i 25 anni, la scuola offre inoltre la possibilità di conseguire un titolo di studio lavorando grazie all’apprendistato di primo livello. Il 93% dei ragazzi trova una positiva collocazione nel mondo del lavoro o dell’istruzione.
www.galdus.it

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste