IL PROGETTO VEDE LA LUCE

Ponteciclopedonale di Assago, finita l’opera: inaugurazione il 30 gennaio

Anni di attesa, passaggi burocratici e cantieri: finalmente il progetto vede la luce. Collega Bazzana Inferiore a Milanofiori Nord.

Ponteciclopedonale di Assago, finita l’opera: inaugurazione il 30 gennaio
Attualità Buccinasco, 27 Gennaio 2021 ore 09:27

Ponteciclopedonale di Assago, finita l’opera: inaugurazione il 30 gennaio.

Ponteciclopedonale di Assago, finita l’opera: inaugurazione il 30 gennaio

ASSAGO – “Dal 30 gennaio i cittadini di Assago potranno usufruire del ponte di collegamento tra la stazione della metropolitana di Assago Milanofiori Nord e l’area Bazzana Inferiore”.

“Promessa mantenuta”

Così dicono dal Comune che prepara l’inaugurazione del tanto atteso ponte. Si tratta di un obiettivo raggiunto e di una promessa mantenuta ai  propri concittadini: è stata, così, compiuta un’opera che avrà risvolti significativi per i servizi offerti ai residenti in Assago e per la qualità della vita”. Il ponte è infatti un comodo collegamento tra Assago e Milano: attraversandolo e prendendo la metro, si stimano 15 minuti di percorrenza per arrivare alla fermata di Cadorna, importante snodo della rete milanese.

Utile strumento per ridurre auto e facilitare l’uso dei mezzi pubblici

“Una visione di insieme per la città – sottolineano dal Comune –, Assago si è mostrata sensibile alle esigenze dei cittadini e alla solidarietà. La scorsa estate sono stati messi a disposizione un milione di euro per le aziende e in questi anni si è cercato di creare una città a portata delle richieste degli abitanti, per esempio contrastando l’edilizia selvaggia e valorizzando la salvaguardia del verde”. Proprio al fine di valorizzare il rispetto ambientale, “il ponte sarà utile strumento perché si potranno ridurre le auto e facilitare l’uso del trasporto pubblico”.

Un iter iniziato nel 2013

“Il 30 gennaio  apriamo ufficialmente il ponte ciclopedonale – commenta il sindaco –.  Un obiettivo raggiunto, una promessa  mantenuta. Abbiamo posato la prima pietra il 24 febbraio 2019: in meno  di due anni siamo riusciti a ultimare l’opera, nonostante il rallentamento dei lavori per via delle chiusure imposte dal Governo, a causa della pandemia. Dal 2013 al 2019 abbiamo dovuto seguire l’iter burocratico tra i vari enti coinvolti che ha rallentato il cantiere. Una volta ottenuta l’autorizzazione, il Comune di Assago ha impiegato solo un anno e mezzo per rendere disponibile l’opera, tenuto conto dei sei mesi di stop a causa del covid. Il ponte – conclude Carano – collega l’area della Bazzana, ma anche le altre zone della città, sia quelle residenziali, sia quelle del terziario, alla metropolitana. Rispettate tutte le norme di sicurezza e quelle per consentire l’accesso ai portatori di handicap”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste