Attualità
il comunicato

Parchi Giorgella, Travaglia e delle Colline: nuove telecamere per garantire maggiore sicurezza

Stefano Salcuni: «Con un investimento di oltre 110 mila euro vorremmo dotarci di ulteriori telecamere in grado di garantire nei parchi cittadini un maggiore controllo».

Parchi Giorgella, Travaglia e delle Colline: nuove telecamere per garantire maggiore sicurezza
Attualità Corsico, 29 Aprile 2022 ore 16:48

La Giunta comunale ha approvato la partecipazione al bando regionale per il cofinanziamento di impianti di sorveglianza nei parchi comunali. Il progetto corsichese, che amplierà l’attuale sistema di telecamere, prevede una spesa di oltre 110mila euro e l’installazione di una ventina di dispositivi.

Nuove telecamere di sicurezza

CORSICO – Una ventina di nuove telecamere per aumentare la sicurezza nei parchi Giorgella, Travaglia e delle Colline: è il progetto con il quale, dopo l’approvazione dei giorni scorsi in Giunta, il Comune di Corsico partecipa al bando di cofinanziamento regionale per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza urbana nelle aree verdi comunali.

Le parole dell'assessore Stefano Salcuni

«Con un investimento di oltre 110 mila euro euro - spiega Stefano Salcuni, assessore alla Polizia locale – vorremmo dotarci di ulteriori telecamere in grado di garantire nei dei parchi cittadini un maggiore controllo e la prevenzione di atti vandalici, grazie all’azione deterrente data dalla presenza dei dispositivi elettronici».

Il progetto di ampliamento del sistema di videosorveglianza

Il progetto di ulteriore ampliamento dell’attuale sistema di videosorveglianza, che negli ultimi mesi è stato implementato e modernizzato, verrebbe finanziato all’80% da Regione Lombardia. Gli undici dispositivi saranno installati al parco Travaglia agli ingressi della polizia Locale, di via Da Vinci, di viale Liberazione e di via Volta; al parco delle Colline agli ingressi di via Conti e via Iotti, e in due vialetti; al Giorgella nel vialetto del parco, all’ingresso di via Di Vittorio e in una terza posizione. Gli uffici regionali dovranno valutare le richieste pervenute dai diversi enti locali territoriali e, in base alle risorse disponibili, decidere come procedere con gli eventuali finanziamenti.