Attualità
LE PRINCIPALI NOVITA'

Nuovo regolamento a Rozzano: stop vendita alcol e daspo per chi bivacca

"Con le novità introdotte andiamo a normare situazioni che, in passato, risultavano difficili da gestire"

Nuovo regolamento a Rozzano: stop vendita alcol e daspo per chi bivacca
Attualità Rozzano, 07 Luglio 2021 ore 11:50

Nuovo regolamento a Rozzano: stop vendita alcol e daspo per chi bivacca.

Nuovo regolamento a Rozzano: stop vendita alcol e daspo per chi bivacca

ROZZANO – Un testo unico sulle norme di civile convivenza e sicurezza urbana che si compone di ben 29 articoli. Oltre alle disposizioni generali, il nuovo regolamento prevede una sezione specifica sulla salvaguardia della pubblica incolumità, una sezione sulla convivenza civile, l’igiene e il pubblico decoro e una sezione che norma la quiete pubblica e privata.

I divieti introdotti

Fra le principali novità, il divieto di vendita di bevande alcoliche refrigerate (a eccezione delle vendite con consumazione al tavolo e l’asporto di bibite acquistate unitamente a prodotti gastronomici provenienti da pizzerie, bar e ristoranti), il divieto di fumo nei parchi gioco per i bambini e davanti alle scuole e l’individuazione di nuove aree urbane in cui, chiunque sia colto in stato di ubriachezza, compia atti contrari alla pubblica decenza o eserciti abusivamente il commercio o l’attività di parcheggiatore, è passibile di ordine di allontanamento (il cosiddetto daspo urbano).

"Andiamo a normare situazioni in passato difficili da gestire"

“Il regolamento contiene le norme e i comportamenti necessari per la serena e civile convivenza, favorendo la vicinanza tra il Comune e i cittadini - spiega il sindaco Gianni Ferretti -. Con le novità introdotte andiamo a normare situazioni che, in passato, risultavano difficili da gestire e intendiamo portare avanti questo nuovo regolamento con convinzione. Ringrazio tutti coloro che contribuiscono a rendere possibile questo progetto legato alla sicurezza e al decoro urbano che sono tra gli obiettivi di questa amministrazione, in una prospettiva che garantisca la libertà di ciascuno nel rispetto di quella di tutti”.

"Tutelare la qualità della vita e decoro"

In particolare il regolamento detta le disposizioni per evitare danni o pregiudizi alle persone o alle cose, tutelare la tranquillità sociale, garantire il corretto uso del suolo pubblico e dei beni comuni. In questa direzione, per esempio, i gestori di attività commerciali devono provvedere durante l’arco della giornata a raccogliere e smaltire correttamente eventuali rifiuti derivanti dalla propria attività per tutto il perimetro esterno, compresi gli abbandoni nelle immediate adiacenze degli esercizi stessi. “Su questo nuovo regolamento è stato fatto un lavoro meticoloso - spiega Cristina Perazzolo, vicesindaco e assessore alla Sicurezza -. Il nostro scopo è stato regolamentare al meglio le norme di comportamento per tutelare la qualità della vita e dell’ambiente in città con un ampio spazio al tema dell’incolumità pubblica e del decoro”.

Altri divieti previsti dal nuovo regolamento

A questo riguardo è vietato ammassare ai lati delle case, davanti alle abitazioni, accanto alle isole ecologiche e in qualsiasi parte della città oggetti e rifiuti. Altri aggiornamenti riguardano le forme di accattonaggio, l’abbandono dei carrelli della spesa in pubblica via, l’imbrattamento delle aree comuni, il bivaccare sui gradini, sulle panchine, nei parchi o in prossimità degli esercizi commerciali.