Con Milano Plastic free è guerra ai materiali inquinanti

Una strategia di sensibilizzazione per gli esercizi commerciali, nella fase sperimentale in zona Isola e Niguarda.

Con Milano Plastic free è guerra ai materiali inquinanti
Attualità 20 Febbraio 2019 ore 08:49

Con Milano Plastic free è guerra ai materiali inquinanti.

Con Milano Plastic free è guerra ai materiali inquinanti

MILANO – Milano più sostenibile con il progetto “Milano Plastic Free” presentato a Palazzo Marino in collaborazione con Legambiente e Confcommercio Milano. Si tratta di una strategia di sensibilizzazione per gli esercizi commerciali, bar e ristoranti di due quartieri milanesi (almeno nella fase sperimentale): via Borsieri, via Thaon de Revel (zona Isola), via Ornato, via Graziano Imperatore (zona Niguarda).

Gli assessori Tajani e Granelli

Il Comune incoraggia così esercenti e clienti a utilizzare materiali riciclabili o riutilizzabili, abbandonando l’uso di plastiche. “Grazie a questa sperimentazione Milano si porta avanti in vista dell’applicazione della direttiva dell’Unione europea che dal 2021 vieterà l’utilizzo delle plastiche usa e getta non degradabili. La collaborazione con Legambiente e con gli operatori commerciali di Niguarda e Isola ci consentirà di promuovere atteggiamenti e comportamenti virtuosi capaci di modificare le abitudini dei consumatori e dei cittadini. Comportamenti che auspichiamo possano diffondersi con successo in tutta la città”, spiegano l’assessore alle Attività produttive e Commercio Cristina Tajani e l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli.

Milano Plastic free 200 esercizi commerciali nella prima mase

Una manovra di sensibilizzazione sull’uso della plastica e sull’impatto disastroso sull’ambiente che parte dai negozi: nella fase iniziale del progetto sono coinvolti 200 esercizi commerciali, ma l’invito ad aderire alla campagna è esteso a tutta la rete dei locali pubblici milanesi che potranno contare sul sostegno e l’aiuto informativo di Legambiente.

Tra i più virtuosi, ma possiamo fare di più

“Milano ogni anno produce circa 35mila tonnellate di plastica – aggiunge Granelli sui social –. Proprio in questi giorni la città ha superato la percentuale del 60% di riciclo dei rifiuti, confermandosi con Vienna la metropoli più virtuosa in Europa. Grazie ai benefici del nuovo sistema di raccolta in città i quantitativi di plastica e metallo (sacco giallo) raccolti porta a porta sono passati da una media di 186 a 207 tonnellate alla settimana, con un incremento percentuale dell’11%. Non basta: occorre implementare nuove iniziative a tutto campo (dalla progettazione degli imballaggi alla promozione, come in questo caso, di comportamenti virtuosi) in vista dell’applicazione della direttiva dell’Unione europea che dal 2021 vieterà l’utilizzo delle plastiche usa e getta non degradabili”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste