Giornale dei Navigli > Attualità > L’orgoglio curvy di Francesca: “Donne, accettatevi belle come siete”
Attualità Corsico -

L’orgoglio curvy di Francesca: “Donne, accettatevi belle come siete”

Francesca Angelo di Corsico, protagonista anche di un calendario benefico, porta avanti una missione di accettazione di se stessi e degli altri.

L'orgoglio curvy di Francesca

L’orgoglio curvy di Francesca: “Donne, accettatevi belle come siete”.

L’orgoglio curvy di Francesca: “Donne, accettatevi belle come siete”

CORSICO – La frase preferita di Francesca Angelo è: “La più bella curva di una donna è il suo sorriso”. Curve da valorizzare, perché sentirsi bene con se stesse è la cosa più importante. Si può essere magre, morbide, con qualche chilo in più (ma sempre in salute): la cosa fondamentale è sapersi accettare e accettare gli altri, senza discriminazioni, giudizi, parole crudeli che possono ferire, segnarti per la vita.

La storia di Francesca

Come quella di Francesca Angelo, 45 anni, di Corsico, impiegata nella grande distribuzione, sposata da 26 anni, due figli e una grande, carnale, passione per la moda e lo spettacolo che ha anche un risvolto sociale, un impegno per portare in giro per l’Italia il concetto che la bellezza deve essere autentica. La storia di Francesca non parla di bullismo sulla sua pelle, “da ragazza io ero magra”, sorride, ma ha visto coi suoi occhi cosa significa fare violenza verbale a qualcuno, giudicandolo per il suo aspetto fisico.

La sua lotta contro le discriminazioni

“I ragazzi e i bambini sanno essere veramente cattivi nei confronti delle compagne – racconta –. Ricordo che venivano derise perché ritenute cicciottelle e non belle. E anche se la bellezza è soggettiva, soffrivano molto rinchiudendosi in loro stesse. Queste cose non devono acccadere e il primo passo è quello di insegnare in famiglia il rispetto per il prossimo”. La sua parte in questa lotta contro le discriminazioni, Francesca la fa da membro dell’associazione Curvy Pride, gruppo che promuove l’immagine di una donna reale, perché “nessuno deve confrontarsi con modelli, deve vivere la propria bellezza e sentirsi in armonia con le proprie forme e accettarsi sempre al di là della taglia che indossa, sempre in salute”, prosegue Francesca che è anche ambasciatrice di BeautifulCurvy, un progetto che propone un calendario benefico per raccogliere fondi e organizzare iniziative di sensibilizzazione contro il bullismo.

Le iniziative curvy: il calendario e il teatro

Francesca interpreta nel calendario un’icona di stile e di bellezza autentica, Claudia Cardinale, diva del grande cinema che sfoggia con orgoglio la sua bellezza di 81enne. “Un esempio per molte donne”, dice Francesca, contenta di aver preso parte al progetto ideato da Barbara Christmann, dove “inclusione, accettazione e valorizzazione sono i messaggi da lanciare”. Non è tutto. Francesca fa anche parte di Curve Pericolose, una compagnia che porta a teatro spettacoli che parlano sempre di bellezza in ogni sua forma. E pare che queste iniziative di sensibilizzazione stiano prendendo piede.

La vera bellezza non ha taglia

“Il mondo della moda, per esempio, sta decisamente cambiando. Ci sono brand che si prendono cura delle forme e finalmente vestono le curvy in maniera sportiva, casual ed elegante – racconta Francesca –. Siamo circondati da un perfezionismo inutile e dannoso, che crea problemi soprattutto ai giovani, maschi e femmine. La bellezza sta nell’occhio di chi la guarda e siamo stanchi di vedere solo un modello estetico di stereotipata perfezione. Io mi metto in gioco sfilando, divertendomi, portando avanti messaggi sociali. Ho iniziato nel 2015 proprio per gioco, con un primo casting per un brand che veste modelle curvy. Oggi, oltre a sfilare – sarà protagonista anche alla settimana della moda milanese, ndr –, la reputo una missione. Voglio portare la mia testimonianza, da ragazza magra a donna che è stata capace di accettare i cambiamenti del corpo e a non averne paura, anzi, sono stata in grado di valorizzare il mio corpo perché l’ho accettato”. L’idea di Francesca è di “organizzare nella mia città iniziative in piazza, magari sfilate dove le protagoniste sono donne curvy e magre, senza ghettizzazione e differenze, perché la vera bellezza non ha taglia”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente