Giornale dei Navigli > Attualità > Lombardi Civici Europeisti: “Tamponi: pochissimi quelli effettuati, bisogna cambiare marcia”
Attualità, Politica Naviglio grande -

Lombardi Civici Europeisti: “Tamponi: pochissimi quelli effettuati, bisogna cambiare marcia”

I consiglieri regionali Strada e Carretta esprimono perplessità sulla strategia di Regione Lombardia all’interno dell’emergenza coronavirus.

Lombardi Civici Europeisti

Lombardi Civici Europeisti: “Tamponi: pochissimi quelli effettuati, bisogna cambiare marcia”.

Lombardi Civici Europeisti: “Tamponi: pochissimi quelli effettuati, bisogna cambiare marcia”

MILANO – “A oltre due mesi dal paziente 1 di Codogno si fatica parecchio a comprendere come si stia muovendo la Regione sulla gestione dei test sierologici e dei tamponi oro-faringei. Ieri sono stati effettuati solamente 5.053 tamponi oro-faringei e, dopo 2 giorni dall’avvio della campagna, sono stati eseguiti solamente 7.528 test sierologici. Pochissimi”.

I reagenti ai tamponi ci sono o non ci sono?

Elisabetta Strada e Niccolò Carretta, consiglieri regionali Lombardi Civici Europeisti, esprimono perplessità sulla strategia di Regione Lombardia all’interno dell’emergenza coronavirus. “Mancano i reagenti ai tamponi, dicono. Ma, nel contempo, ieri sera il capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borelli ha dichiarato che non ci sono problemi sui tamponi e si sa anche che il San Raffaele e Multimedica vorrebbero effettuarli a pagamento, dunque viene da dire che i reagenti a disposizione ci sono”, ancora dai Lombardi Civici Europeisti.

I test effettuati sono pochissimi anche nella bergamasca

“Bergamo e la sua provincia – aggiunge Niccolò Carretta –  rappresentano il territorio più colpito in termini di decessi al mondo e di contagi relativi alla popolazione. I test sierologici sono sul campo da più settimane e, dopo annunci roboanti, nella bergamasca i test effettuati sono pochissimi. Non si trova riscontro di nessun piano d’azione concreto e funzionante e chiedo spiegazioni sul perché, all’interno di questo, non vengano attivate anche le strutture private, che sono pronte con i propri laboratori per eseguire decine di migliaia di test al giorno. Il 4 maggio si avvicina ed è doveroso non perdere più tempo”.

L’incongruenza procedurale per i pazienti presunti covid domiciliari

“Per quanto riguarda le tempistiche inoltre – evidenzia Elisabetta Strada – vediamo un’altra incomprensibile e folle incongruenza procedurale per i pazienti domiciliari presunti covid. Da un lato il ritardo assoluto con cui la Regione ha iniziato a fare i test rispetto alle altre Regioni, dall’altro, l’effettuazione del test sierologico, se accerta la presenza di eventuali anticorpi, richiede l’effettuazione, successiva, del tampone oro-faringeo che accerta la malattia in corso e la contagiosità. Purtroppo questo avverrebbe dopo due settimane di distanza, post quarantena. Quindi il paziente, dopo il test sierologico positivo, dovrebbe continuare a stare in quarantena, anche se non più contagioso, in attesa del tampone, per inciso supplicato per settimane durante la malattia, che, se positivo, comporterebbe a sua volta un’ulteriore quarantena, dalle due alle quattro settimane.

“Il 4 maggio si avvicina ed è doveroso non perdere più tempo”

Il tampone, se necessario, va effettuato subito dopo il test, per sapere se il paziente è ancora contagioso: le persone, se sane, devono poter ritornare subito al lavoro dal 4 maggio per far fronte alla crisi economica, non possono certo attendere che la Regione si organizzi con i tamponi. Il test è su base volontaria, con queste tempistiche si disincentivano le persone a farlo. Lo abbiamo detto più volte. Se la Regione non è in grado di fare tamponi a tutti con tempi accettabili, che autorizzi più laboratori o li mandi ad analizzare in altre Regioni. A questo argomento è dedicato il Question Time che illustrerò in Aula il prossimo 4 maggio”.

Sostieni Il Giornale dei Navigli 
Clicca il bottone  e scegli il tuo contributo, grazie!

 Perchè questa richiesta

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente