Attualità
SCOPRIAMOLO INSIEME

La sedia da gaming va bene per l’ufficio?

Nonostante le debite differenze lavoratori e gamer professionisti trascorrono lungo tempo seduti.

La sedia da gaming va bene per l’ufficio?
Attualità Naviglio grande, 14 Giugno 2022 ore 21:22

Cos’hanno in comune il lavoro in ufficio e il gaming?  Nonostante le debite differenze, infatti, lavoratori e gamer professionisti trascorrono lungo tempo seduti e necessitano perciò di un supporto ergonomico per non incorrere in problemi di salute fisica. La tipica sedia da gaming e la tipica sedia da ufficio hanno alcuni punti in comune, tanto che ci sono lavoratori al computer che hanno iniziato a richiedere una sedia da gamer. Ma siamo sicuri che quest’ultima abbia tutte le carte in regola anche per l’ufficio?

Cosa sono le sedie da gaming?

Il mercato dei videogiochi è in continua crescita, non solo tra i giovanissimi. E insieme a esso crescono anche i mercati dei dispositivi connessi, tra computer dalle prestazioni specifiche, schermi, console, joystick, mouse, visori e naturalmente videogiochi. Ma esiste un altro strumento tecnico che, per chi gioca molte ore di seguito al giorno, è importante tanto quanto il resto: la sedia da gaming ergonomica.

La sedia da gaming è un elemento utile non solo a tutelare la salute di chi gioca, ma anche a massimizzarne l’esperienza e i risultati. Ecco perché i giocatori professionisti investono parecchio sulla loro seduta e sulla postazione di gioco, che comprende diversi elementi tecnologici piuttosto costosi. Le sedie da gamer hanno infatti caratteristiche tecniche specifiche che le rendono diverse da qualunque altra sedia. Il loro principale obiettivo naturalmente è fornire il massimo comfort al giocatore, anche durante le sessioni di gioco più lunghe, e per questo presentano materiali e strutture specifici.

Caratteristiche delle sedie da gamer

Per quanto riguarda i materiali, le due alternative sono il tessuto e la similpelle, di gran lunga preferita per la valenza estetica, che garantiscono una comoda seduta imbottita in schiuma poliuretanica o poliestere compresso di grande spessore, adattabile alle forme del corpo. Ovviamente la struttura portante dev’essere salda e resistente, in genere in acciaio, in alluminio o in un mix con plastica dura. Lo schienale è alto, spesso con un cuscino lombare e cervicale integrati e con un poggiatesta, in modo da sostenere la schiena a ogni altezza anche se quasi tutte queste sedute non permettono la regolazione di questi supporti.

Date le infinite differenze di corporatura e struttura fisica di ognuno, la comodità di una sedia è soggettiva. La sedia da gaming solitamente permette la regolazione dell’inclinazione dello schienale e dell’altezza della seduta. Alcune sono anche dotate di braccioli elevabili e di poggiapiedi (nei modelli più lussuosi), per un supplemento di comodità e supporto.

Esistono anche altre caratteristiche e personalizzazioni che possono facilitare i gamer, pur non essendo così essenziali. Per esempio, la presenza di tasche laterali o posteriori in cui inserire joystick, cavi, videogiochi o cuffie. Oppure le rotelle, con possibilità di blocco, che offriranno un’ulteriore libertà di spostamento.

Abbinando la modellabilità dell’imbottitura e la capacità di regolare i parametri della struttura, si ottiene una sedia da gamer praticamente su misura che però, concettualmente, è assimilabile alla comodità di un buon divano.

Sedia da gaming vs. sedia da ufficio

Ai più attenti, molte delle caratteristiche appena elencate per la sedia da gaming dovrebbero ricordare un’altra tipologia di seduta specifica di una certa occupazione: la sedia da ufficio. Anche questa, infatti, deve essere ergonomica per consentire di mantenere una postura corretta per tutto il tempo passato alla scrivania. Mentre i gamer professionisti tendono a optare sempre e solo per le sedie appositamente disegnate per loro, chi fa un lavoro d’ufficio al computer sta iniziando a richiedere sedie da gaming. Ma ciò è consigliabile?

Se le migliori sedie da gamer rappresentano il massimo della comodità raggiungibile durante il gioco, con grandi sedute avvolgenti, dettagli e accessori appositi, quasi mai sono ideali per il lavoro d’ufficio. Nella loro linearità, le sedie da ufficio nascondono infatti tecnologie molto superiori. Caratteristiche necessarie a supportare la postura corretta di una persona che fa un utilizzo del computer molto diverso rispetto a quello che ne fa un gamer e che dovrà tutelare la propria salute per sé e per l’azienda.

Le migliori sedute ergonomiche per videoterminalisti sono infatti disegnate con la supervisione di medici specializzati e hanno regolazioni micrometriche capaci di adattarsi alla maggior parte degli utenti: uomini o donne, alti o bassi, con differenti corporature eccetera. Questi aspetti non sono soltanto preferibili. Sono fondamentali anche per quanto riguarda il rispetto delle normative vigenti nel campo della sicurezza sul posto di lavoro, un argomento che non viene naturalmente tenuto in considerazione quando ci si approccia a una sedia da gamer.

In breve: le sedie da gamer non sono progettate per chi lavora alla scrivania, ma per chi gioca con consolle e altri dispositivi, perciò supportano maggiormente una tipologia di postura che non è quella più comoda per i lavoratori.

Anche dal punto di vista estetico le differenze sono molte. Le sedie da gamer infatti, dato il loro forte impatto visivo e l’ingombranza, potrebbero risultare fuori luogo in un ufficio. La scelta è naturalmente più libera nell'ottica di un arredamento casa.

I costi

Come in tutti i settori, anche per le sedie da gaming esistono modelli di lusso, dal costo molto elevato, ma generalmente si tratta di una categoria di prodotto economica. Le sedie da ufficio certificate per l’utilizzo di un operatore videoterminalista possono allo stesso modo costare anche solo poche decine di euro, ma più il concentrato di tecnologia, ergonomia e design è alto, più si andrà incontro a costi elevati. Costi che però spesso le aziende sono pronte a sostenere, data la loro necessità di investire sul capitale umano e tutelare i propri dipendenti. L’importante, quando si ha a che fare con la salute, è affidarsi a esperti del settore, come Divisione Ufficio, che potrà consigliare la soluzione migliore sia dal punto di vista tecnico che da quello estetico.