Attualità
i dati

Emporio della Solidarietà a Cesano, record di prodotti distribuiti a quasi 5mila famiglie bisognose

I numeri parlano, purtroppo, di un considerevole aumento

Emporio della Solidarietà a Cesano, record di prodotti distribuiti a quasi 5mila famiglie bisognose
Attualità Cesano Boscone, 03 Gennaio 2023 ore 13:05

Il 2022 si è chiuso con dati non incoraggianti per quanto riguarda gli utenti che si rivolgono all’Emporio della Solidarietà di Cesano, gestito da Caritas grazie a tanti volontari generosi che si mettono a disposizione per il prossimo.

Record di prodotti distribuiti dall'Emporio della Solidarietà

CESANO BOSCONE – I numeri parlano, purtroppo, di un aumento dell’utenza. “Ogni anno questa cifra continua ad aumentare – spiega il sindaco Simone Negri –. Un dato che va letto in entrambi i sensi: cresce la povertà, ed è un dramma, e parallelamente aumenta la capacità di questa realtà di aiutare chi ha bisogno.

Siamo arrivati alla cifra record di 2.387.836 confezioni di generi di prima necessità distribuite gratuitamente, per un valore a prezzi della grande distribuzione di oltre 4 milioni 700mila euro”.

L'Emporio di via dei Pioppi

L’Emporio di via dei Pioppi, aperto otto anni fa, è un piccolo supermercato dove chi ha bisogno può comprare quello che serve, prendendo i prodotti dagli scaffali e pagandoli attraverso una tessera punti che viene caricata in base al bisogno e al lavoro dei servizi sociali.

Si supera, così, il concetto di “pacco” e si offre l’opportunità a chi si trova in difficoltà di fare la spesa come in un normale supermercato.

Dati negativi

I dati, come si diceva, non sono però positivi. Durante il 2022 sono stati assistiti in maniera continuativa 1.716 nuclei familiari per un totale di 4.810 persone, di cui 450 bambini sotto i 3 anni.

Tante richieste, a cui questa realtà riesce comunque a rispondere, ed è questa la nota positiva. Come dice don Massimo Mapelli, è l’unico negozio che speriamo possa chiudere in fretta, perché significa che non ci sarà più la povertà alimentare.

“Grazie veramente di cuore – conclude Negri – a chi con continuità, anche durante la pandemia, ha garantito questo sostegno alle tante persone in condizioni precarie”.

Seguici sui nostri canali