Giornale dei Navigli > Attualità > Covid, appello dei sindaci: “Cittadini, usiamo la testa, evitiamo un nuovo lockdown”
Attualità Buccinasco Cesano Boscone San Donato Sud Milano Trezzano -

Covid, appello dei sindaci: “Cittadini, usiamo la testa, evitiamo un nuovo lockdown”

Sottoscritto anche da numerosi primi cittadini dell'area Sud Milano.

Covid appello sindaci lockdown

Covid, appello dei sindaci: “Cittadini, usiamo la testa, evitiamo un nuovo lockdown”.

Covid, appello dei sindaci: “Cittadini, usiamo la testa, evitiamo un nuovo lockdown”

Negli ultimi giorni anche dalle nostre parti, complice il rientro di molti dalle vacanze, stiamo assistendo a un incremento dei contagi da Covid-19. Numerosi i casi positivi in Lombardia e nel Milanese, e così 84 sindaci hanno sottoscritto un appello comune alla cittadinanza, per scongiurare un nuovo lockdown.

“Evitiamo un nuovo lockdown”

L’appello è firmato da numerosi primi cittadini anche dell’area Sud Milano: ci sono infatti le sigle dei sindaci di Abbiategrasso, Albairate, Basiglio, Binasco, Buccinasco, Casarile, Cesano boscone, Cisliano, Gaggiano, Lacchiarella, Locate di triulzi, Melegnano, Noviglio, Pieve emanuele, San donato milanese, Sedriano, Settimo milanese, Trezzano Sul Naviglio e Zibido san Giacomo.

Questi giorni sono caratterizzati da molti rientri, sia di chi è stato all’estero sia di chi ha scelto di trascorrere le vacanze in Italia. La macchina dei controlli, pur a fatica, si è messa in moto e si sta registrando un aumento dei contagi da Covid-19 mentre purtroppo molte situazioni sono difficilmente tracciabili poiché è necessario che questi cittadini si segnalino alle autorità competenti. I numeri dei nuovi casi sono lontani da quelli dei momenti drammatici che abbiamo vissuto negli scorsi mesi ma nonostante questo l’attenzione di istituzioni e cittadini deve essere massima, proprio per evitare di ritrovarsi in situazioni simili.
Noi Sindaci proseguiamo nel nostro impegno presso le autorità sanitarie per garantire risposte efficaci e tempestive di fronte al Covid-19 e lanciamo un appello ai nostri cittadini. Siamo i primi a voler scongiurare un nuovo lockdown, evitare le chiusure, uscire dalla crisi economica: tutto questo comporterebbe nuovi dolori alle nostre comunità.

Poi, l’appello ai singoli:

Proprio per conseguire questo risultato, agli sforzi delle Istituzioni devono aggiungersi quelli dei singoli, di ciascuno di noi. E’ l’ora della responsabilità, verso sé e gli altri e abbiamo davanti, ancora una volta, settimane decisive. Troppi sono gli esempi di chi ha banalizzato o negato la pericolosità del virus e della necessità delle misure di contenimento: ne stiamo vedendo, purtroppo, gli esiti.
Per questo invitiamo tutti coloro che sono rientrati dalle vacanze, a valutare seriamente, secondo le normative in vigore, di sottoporsi ai tamponi o test diagnostici nei tempi più brevi. Vi chiediamo con senso di responsabilità, di valutare anche i vostri stessi atteggiamenti qualora  nei luoghi frequentati non siano state rispettate le misure di contenimento del contagio  (distanziamento sociale e utilizzo della mascherina), esortandovi ad attuare un rigido distanziamento sociale, ad astenenervi dal visitare parenti e amici, posticipando il rientro fisico nel luogo di lavoro ricorrendo, se possibile, allo smart-working, e ad indossare sempre la mascherina oltre ad attenervi alle norme igieniche previste per far fronte al Covid. Cogliamo anche l’occasione per rimarcare la centralità dei sistemi di tracciamento, a partire dall’app #Immuni che invitiamo a scaricare in quanto strumento utile e sicuro, ma che potrà essere realmente efficace nel contrasto al virus solo se buona parte della popolazione si deciderà ad utilizzarla.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente