Attualità
al lavoro per la sicurezza

Comando associato di Polizia locale: il progetto ambizioso di Buccinasco e Corsico

Una condivisione di risorse e mezzi per garantire la sicurezza di due territori, presidiarli, lavorare per il rispetto della legalità in tutti i settori.

Comando associato di Polizia locale: il progetto ambizioso di Buccinasco e Corsico
Attualità Buccinasco, 10 Novembre 2022 ore 16:06

Le polizie locali di Buccinasco e Corsico si uniscono per costruire uno dei Comandi associati di Polizia locale più grandi della Lombardia.

Un progetto ambizioso: il Comando associato di Polizia locale

BUCCINASCO – Sarà uno dei comandi più grandi della Lombardia che unirà competenze, professionalità e strumenti. Una condivisione di risorse e mezzi per garantire la sicurezza di due territori, presidiarli, lavorare per il rispetto della legalità in tutti i settori.

Le polizie locali di Buccinasco e Corsico si uniscono

La differenza la farà soprattutto la professionalità degli agenti, di Buccinasco e Corsico, che hanno già dimostrato, attraverso diverse operazioni mirate, di non essere solo “vigili che fanno le multe” ma professionisti che lavorano per la sicurezza di tutti. Le polizie locali di Buccinasco e Corsico si uniscono e avviano il percorso di gestione associata del servizio, previsto e incentivato anche da Regione Lombardia che sottolinea l'importanza di fare sinergia tra forze.

Gli obiettivi del nuovo Comando

Le Giunte comunali delle due città hanno approvato l'atto di indirizzo per avviare il percorso che porterà alla firma della convenzione, con obiettivi ambiziosi. Il primo è un più efficace controllo del territorio con maggiore capacità di pronto intervento. Una copertura che ha come prospettiva il miglioramento del servizio, affinché gli agenti possano diventare, ancor di più, ogni giorno, un punto di riferimento per il territorio. Tra i progetti, c'è anche la creazione di unità specialistiche per diverse aree di intervento, dall’infortunistica stradale alla sicurezza urbana e polizia giudiziaria, alla tutela ambientale e ai controlli sul commercio, l’edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il capofila sarà il Comune di Buccinasco

Il Comune di Buccinasco sarà il capofila della nuova gestione che vedrà “un opportuno dialogo con le organizzazioni sindacali e la programmazione delle azioni necessarie. A questo scopo si dovranno uniformare e i principali regolamenti di riferimento della polizia locale oltre all’adeguamento dei trattamenti salariali accessori per valorizzare l’impegno e le competenze degli agenti”, sottolineano i due Comuni.

Il sindaco di Buccinasco: "Una decisione storica per il nostro territorio"

“Una decisione dalla portata storica per il nostro territorio – evidenza Rino Pruiti, sindaco di Buccinasco – in cui da anni si parla di ottimizzazione di risorse e strumenti per un controllo più efficace delle città: oggi finalmente avviamo in concreto questo percorso che porterà grandi benefici alla cittadinanza dei nostri Comuni”.

Il sindaco di Corsico: "L'obiettivo è arrivare ad avere 70 agenti"

Il sindaco di Corsico Stefano Martino Ventura aggiunge: “Stiamo costruendo uno dei Comandi associati di Polizia locale più grandi della Lombardia. Il nostro obiettivo è arrivare, nel tempo, a un organico complessivo di circa 70 agenti in modo da offrire un controllo costante di tutto il nostro territorio”. I sindaci ringraziano gli agenti, gli uffici comunali e il comandante Gianluca Sivieri che guiderà la gestione associata del Comando.

L’assessore alla Polizia locale di Corsico Stefano Salcuni

Esprime soddisfazione per la decisione anche l’assessore alla Polizia locale di Corsico, Stefano Salcuni: “La sicurezza si costruisce con il lavoro di istituzioni e amministratori, non con gli slogan. Dobbiamo proseguire il lavoro congiunto per trovare risposte efficaci in termini di contrasto e prevenzione dei reati. Questo è un passo essenziale e strategico per garantire e tutelare la sicurezza urbana.» Ora si dovrà studiare la migliore forma associata, anche prevedendo adeguate forme di incentivazione per il personale. Poi spetterà ai Consigli comunali dei due comuni l’approvazione finale della convenzione.

 

 

Seguici sui nostri canali