Cascinazza: approvato il piano di recupero per l'ampliamento del monastero

Il progetto è ambizioso: spazi più grandi, nuove celle, refettorio, cucine, una biblioteca, parlatori, sale di incontri e una chiesa per la preghiera.

Cascinazza: approvato il piano di recupero per l'ampliamento del monastero
Attualità 27 Dicembre 2019 ore 12:43

Cascinazza: approvato il piano di recupero per l'ampliamento del monastero.

Cascinazza: approvato il piano di recupero per l'ampliamento del monastero

BUCCINASCO – L’approvazione del documento era attesa da anni. Buone notizie per i benedettini della comunità monastica di Gudo Gambaredo, che vivono di preghiera e lavoro, come recitavano le parole di San Benedetto.

La Cascinazza

I monaci tengono viva una realtà suggestiva e inviolabile, all’interno della Cascinazza, la struttura dalle forme tipiche dell’architettura lombarda sorta alle porte di Buccinasco nel 1971. Dopo l’esperienza di gestione di un’azienda agricola, i monaci si sono impegnati nella produzione di birra: il primo birrificio in Italia portato avanti dai monaci è proprio quello della Cascinazza, nato nel 2004.

Un Birrificio ma non solo

Sono stati gli stessi religiosi a fare visita ad altri microbirrifici gestiti da conventi, in particolare in Belgio, dove la realtà è più affermata. Dalla Cascinazza vengono esportati anche altri prodotti, come l’amaro alle erbe e il miele, da cui viene realizzata la bevanda idromele. Da anni i monaci chiedevano al Comune la possibilità di ampliare gli spazi della struttura, immersa nel Parco Agricolo Sud Milano. Un piano di recupero che i monaci attendono da tempo: ora l’ok dell’Amministrazione potrà consentirne la realizzazione, appena i monaci riusciranno a reperire le risorse economiche necessarie.

Approvato il progetto di ampliamento

Il progetto è ambizioso: spazi più grandi, nuove celle, refettorio, cucine, una biblioteca, parlatori, sale di incontri e una chiesa per la preghiera. Prevista anche una foresteria, con camere per gli ospiti. “Ritengo che la comunità benedettina sia un’importante risorsa per il nostro territorio – commenta il sindaco Rino Pruiti – e appoggiamo il progetto di valorizzazione di questa affascinante realtà. L’approvazione del piano è stata resa possibile grazie a uno studio attento da parte degli uffici comunali e dell’assessore all’Urbanistica e Parco Sud Emilio Guastamacchia: grazie alle soluzioni proposte alla serrata burocrazia, è stato possibile superare gli ostacoli e dare l’ok al piano”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!