Menu
Cerca

Carmela Rozza, come ripartire con la Fase 2

Una falsa ripartenza sarebbe un colpo mortale per le attività economiche già fortemente compromesse, dice la consigliera regionale del Pd.

Carmela Rozza, come ripartire con la Fase 2
Attualità 20 Aprile 2020 ore 08:15

Carmela Rozza, come ripartire con la Fase 2.

Carmela Rozza, come ripartire con la Fase 2

MILANO - Riceviamo e pubblichiamo le parole di Carmela Rozza, consigliera regionale del Pd, riguardo alla fase 2:

Partire con il piede giusto per l'economia

È molto importante valutare con attenzione come attuare la fase 2. Una falsa ripartenza sarebbe un colpo mortale per le attività economiche, già fortemente compromesse, e l’economia in generale e creerebbe un forte disagio nei cittadini. Non si può correre il rischio di vanificare i sacrifici fin qui fatti da famiglie e imprese, ormai in condizioni di precarietà economica, con una ripresa fragile e discontinua”, lo dice Carmela Rozza, consigliera regionale del Pd, presentando il suo progetto per gestire il coronavirus.

La gestione dei rischi da contagio

“Affinché il processo sia graduale e costante è necessario approntare fin d’ora un piano di sanità territoriale che garantisca, nella fase della cosiddetta convivenza, procedure corrette per la gestione dei rischi da contagio – spiega Rozza –. Occorrono subito i test diagnostici sul personale sanitario, sui casi di infezione respiratoria acuta nelle Rsa e in altre strutture di lunga degenza, sugli operatori dei servizi di soccorso ed emergenza, sui soggetti vulnerabili e su coloro che vivono in comunità chiuse. Bisogna avviare un piano di sanificazione di tutti gli edifici adibiti a Rsa e approntare una riconversione degli ospedali verso un assetto tradizionale, individuando strutture Covid dedicate”.

Essenziale sarà l’assistenza territoriale

Per la consigliera saranno essenziali, ancor più nella ripartenza, la medicina e l’assistenza territoriale: “La convivenza con una situazione di contagio richiede un’attività di diagnostica e assistenza al domicilio e un’accurata azione di controllo sanitario sui lavoratori di esercizi commerciali, uffici pubblici e tutte le attività economiche che ripartono. Imprescindibile poi il monitoraggio delle realtà abitative a maggior rischio come le case popolari e tutte le situazioni di disagio sociale ed economico”.

Dispositivi per tutti i medici di famiglia

Per questo serve fin da subito dare ai medici di famiglia tutti i dispositivi e le dotazioni strumentali, mettendoli in rete con una piattaforma di telemedicina; potenziare le Usca, le Unità speciali di continuità assistenziale che seguono i pazienti Covid a domicilio; rafforzare le risorse umane dei dipartimenti di prevenzione e dei servizi di medicina del lavoro; incentivare lo sviluppo dell’aggregazione dei medici di famiglia in cooperative che possano meglio gestire la presa in carico dei pazienti cronici e il potenziamento delle cure al domicilio.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home