Giornale dei Navigli > Attualità > Calcio e Coronavirus: quali giocatori sono risultati positivi?
Attualità, Sport Naviglio grande -

Calcio e Coronavirus: quali giocatori sono risultati positivi?

Calcio chiuso per coronavirus. In attesa di conoscere le sorti del finale di stagione, si aggiorna l’elenco di calciatori e dirigenti risultati positivi.

calcio e coronavirus

Calcio e Coronavirus: quali giocatori sono risultati positivi?

Calcio e Coronavirus: quali giocatori sono risultati positivi?

Il dilagare del coronavirus in Italia ha contagiato anche il mondo del calcio. Il Decreto datato 9 marzo firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha infatti imposto lo stop di tutto lo sport italiano a ogni livello, almeno fino al 3 maggio. Non si disputerà alcuna competizione, quindi; neanche a porte chiuse, come invece prevedeva la precedente direttiva. È così che anche il mondo del calcio si è fermato.

Anche lo sport è in quarantena

Sono giorni di quarantena in cui, tuttavia, numerosi bookmaker e siti del settore continuano a tenere informati tifosi e appassionati con pronostici e consigli sulle scommesse sportive: gli esperti, infatti, non possono di questi tempi fornire quote ma non smettono di informarsi e informare in merito agli sviluppi dell’effetto del virus sul mondo dello sport. E leggere le notizie più recenti sui blog più affidabili diventa cosí un piacevole per passare il tempo rimanendo in casa, aspettando di tornare ad accapigliarsi per un rigore non dato o per un’espulsione mancata. Allo stato attuale delle cose e visto il recente inasprimento delle misure contenitive adottate dal governo italiano per contenere la propagazione del contagio, sembra davvero difficile che ai primi di maggio il pallone tornerà a rotolare sui campi di calcio. Anche perché è più che evidente che il virus non guarda davvero in faccia a nessuno, neanche ai calciatori della Serie A.

I calciatori della Serie A positivi al Coronavirus

Il “calciatore zero” della Serie A risultato positivo al test per il Covid-19 è stato Daniele Rugani. Il difensore della Juventus, che aveva iniziato a mostrare i primi sintomi dell’infezione, è stato fermato la sera dell’11 marzo, appena tre giorni dopo il derby d’Italia svoltosi nel silenzio dello Stadium vuoto. Tutti i giocatori di Inter e Juve sono stati successivamente messi in quarantena per un periodo di almeno due settimane. Il caso di Rugani, come prevedibile, non è stato l’unico. La corsa del contagio non si è arrestata, andando a interessare diversi club della massima serie calcistica nazionale. Ecco l’elenco, aggiornato ai primi di aprile, dei calciatori di cui è stata accertata la positività al Coronavirus:

  • Juventus (3 positivi): Daniele Rugani (11 marzo), Blaise Matuidi (17 marzo), Paulo Dybala (21 marzo);
  • Sampdoria (6 positivi): Manolo Gabbiadini (12 marzo), Albin Ekdal (13 marzo), Antonino La Gumina (13 marzo), Morten Thorsby (13 marzo), Bartosz Bereszyński (14 marzo), Fabio Depaoli (14 marzo);
  • Fiorentina (3 positivi): Dusan Vlahovic (13 marzo), Patrick Cutrone (14 marzo), German Pezzella (14 marzo);
  • Hellas Verona (1 positivo): Mattia Zaccagni (17 marzo);
  • Milan (1 positivo): Daniel Maldini (21 marzo); anche il padre Paolo Maldini, dirigente del Milan, risulta essere contagiato.

Stando così le cose, una possibile ripresa a breve sembra essere tutto fuorché possibile. La Figc ha messo attualmente al vaglio 4 ipotesi per decidere se e come portare a termine la stagione.

Serie A e Coronavirus: quando ripartirà il campionato?

Nella migliore delle ipotesi, il campionato ripartirebbe dopo il 3 aprile. In questo caso, l’obiettivo sarebbe quello di giocare il maggior numero di partite possibili seguendo le date del calendario disponibili fino al 31 maggio. Uno scenario, come si diceva in precedenza, a oggi piuttosto improbabile. Nel caso in cui l’emergenza sanitaria non consentisse invece di arrivare a un finale di stagione, si potrebbe considerare l’eventualità di non assegnare lo Scudetto, con comunicazione ufficiale alla Uefa dei club qualificati per le competizioni europee 2020/21. Una terza soluzione al vaglio degli addetti ai lavori sarebbe quella di congelare la classifica così come si presentava al momento della sospensione del campionato avvenuta al termine della 26esima giornata, assegnando quindi il titolo di Campione d’Italia alla capolista. Ultima ipotesi è invece quella di istituire i gironi di playoff e di playout con quattro squadre a giocarsi rispettivamente il titolo e la retrocessione in Serie B. La griglia playoff potenziale, in questo caso, vedrebbe sfidarsi Juventus, Lazio, Inter e Atalanta tramite una serie di scontri diretti. Spetterà al consiglio straordinario della Figc chiarire i dubbi e prendere una difficile decisione in merito al prosieguo di stagione. Gli esponenti delle leghe nazionali dovrebbero trovarsi prima del 3 maggio, la data precedentemente fissata come termine della sospensione dei campionati.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente