Giornale dei Navigli > Attualità > Anpi nelle scuole di Cesano: scontro tra maggioranza e opposizione
Attualità, Politica Cesano Boscone -

Anpi nelle scuole di Cesano: scontro tra maggioranza e opposizione

Il progetto è in programma nelle classi seconde e terze medie dell’Istituto Comprensivo Leonardo Da Vinci.

Anpi nelle scuole

Anpi nelle scuole di Cesano: scontro tra maggioranza e opposizione.

Anpi nelle scuole di Cesano: scontro tra maggioranza e opposizione

CESANO BOSCONE – Scontro tra maggioranza e opposizione sul progetto scuola in programma nelle classi seconde e terze medie dell’Istituto Comprensivo Leonardo Da Vinci.

Il no di Fratelli d’Italia

Da una parte c’è la consigliera di Fratelli d’Italia Simona Sanfelici che dice “no alla propaganda politica nelle scuole”. Il 22 e 24 gennaio nell’ambito del “Progetto Scuola” promosso dal Comune di Cesano Boscone i rappresentanti dell’Anpi locale incontreranno gli alunni delle seconde e terze medie dell’istituto comprensivo – spiega la consigliera –. I rappresentati dell’Anpi locale di Cesano oltre a essere apertamente schierati a sinistra, e su questo non avevamo dubbi, hanno anche ricoperto ruoli politici nell’amministrazione comunale a guida Pd. Quali competenze avrebbero questi signori per confrontarsi con gli studenti? Cosa dovrebbero andare a raccontare? Il Comune di Cesano Boscone eroga anche un contributo economico? Di quanto? Nelle prossime settimane gli studenti ricorderanno le tragedie dell’Olocausto (27 gennaio, Giorno della Memoria) e delle Foibe (10 febbraio, Giorno del Ricordo). Auspichiamo che l’approfondimento su queste drammatiche pagine di storia non sia delegata a improvvisati partigiani degli anni 2000, ma sia piuttosto l’occasione per una adeguata, sincera e competente riflessione sulle tragedie del Novecento”.

La replica del sindaco Negri

Sui social, ha replicato il sindaco Simone Negri: “L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia non è un partito politico ma un Ente Morale, riconosciuto dalla Repubblica Italia, che è in prima linea nella custodia e nell’attuazione dei valori della Costituzione, quindi della democrazia, e nella promozione della memoria di quella grande stagione di conquista della libertà che fu la Resistenza. È patrimonio di tutti gli italiani e l’iscrizione è libera, purché ci si riconosca antifascisti. Criticare la presenza dell’Anpi nelle scuole è puerile e demagogico ma perfettamente coerente con chi celebra ancora oggi incredibilmente le ricorrenze delle imprese in Abissinia e Albania, con la stessa retorica dei cinegiornali dell’Istituto Luce sotto il regime fascista”.

E prosegue: Fratelli d’Italia a Cesano è prigioniera del ventennio

“Si aggiunga che i progetti che verranno realizzati nei plessi sono stati concordati e approvati dai due istituti e scelti dai docenti. L’unico elemento che sorprende è che le polemiche che usualmente venivano scatenate in occasione del 25 aprile oggi riguardino anche la Giornata della Memoria, segno di un tentativo deprecabile di sottrarre anche il ricordo dell’Olocausto alla coscienza collettiva, per aprire al più becero ed impensabile revisionismo”. “Fratelli d’Italia a Cesano – ancora il sindaco – è prigioniera del ventennio e delle sue logiche e si lancia all’arrembaggio pure del 27 gennaio. Ma Cesano è antifascista”.

Il progetto nelle scuole è confermato

Dal primo cittadino arriva la conferma dell’evento, perché “l’Amministrazione continuerà, per quanto di competenza, a celebrare la Memoria e la Resistenza e a difendere la Costituzione e a educare ai suoi valori. Questa ferma linea passa anche dal pieno riconoscimento e sostegno all’Anpi”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente